Studiare i delfini che vivono nel mare dell’Agrigentino L’idea di una favarese che in Liguria salva le balene

Studiare i cetacei che vivono nel mare antistante la costa agrigentina. Ovvero fare quello che fino a oggi nessuno ha mai realizzato. A pensarci è Jessica Alessi, biologa e ricercatrice originaria di Favara, che da anni collabora con l’Università di Genova in progetti che hanno a cuore la tutela dei mammiferi acquatici. 

Pur vivendo in Liguria, Alessi è rimasta legata alla Sicilia. «Ho fondato un’associazione che si chiama Me.ri.s – racconta a MeridioNews -. Siamo una decina di soci, con la passione del mare. L’obiettivo è quello di dare seguito a un lavoro che abbiamo iniziato già lo scorso anno, con una campagna di citizen science, dove chiedevamo alle persone di segnalarci la presenza di cetacei a largo della provincia di Agrigento. Partendo da quei dati – continua – quest’anno faremo un lavoro più strutturato, per fare luce su una realtà che in quel territorio non è mai stata studiata».

In attesa di saperne di più su chi abita i mari siciliani, la ricercatrice è tra le protagoniste di un progetto riguardante i capodogli del mare a largo della Liguria e la prevenzione degli incidenti con le imbarcazioni. Per riuscire nell’intento, l’equipe di cui fa parte Alessi potrà contare su particolari boe tecnologiche che, captando i suoni inviati dai cetacei, permetteranno di localizzarli. «L’Università di Genova da anni lavora sui cetacei – spiega -. L’idea deriva da un progetto precedente, che si è concluso quest’anno e ha riguardato la protezione del tursiope, un tipo di delfino che vive sotto costa, davanti l’area protetta di Portofino». 

I capodogli sono animali che a largo della Liguria hanno il loro habitat, ed è per questo che possono essere seriamente minacciati dalle navi. «In quest’area esistono diversi canyon sottomarini, dove gli animali vanno a cibarsi delle loro prede, in particolar modo di calamari – commenta Alessi -. Per questo non è difficile avvistarne qualcuno. E considerando che in zona ci sono due porti, come quello di Savona e Vado, si è pensato di trovare un modo per evitare danni ai cetacei». Anche se in una collisione con un’imbarcazione di piccole dimensioni a rischiare non è soltanto l’animale. «Una nave medio-piccola può rimanere danneggiata, anche se parliamo di animali non pericolosi per l’uomo», specifica la studiosa.

L’esigenza di trovare un modo per salvaguardare i capodogli deriva anche dalle statistiche. «Nel 2014 abbiamo fatto uno studio, da cui è emerso che l’8 per cento degli esemplari individuati avevano addosso segni di collisione», spiega Alessi. Ma adesso con le boe tecnologiche gli incidenti potranno diminuire. «Il sistema è in grado di intercettare i suoni emessi dagli animali tracciando i loro spostamenti – spiega -. Ciò ci permette di seguirli sott’acqua. I dati, poi, vengono inviati alla capitaneria di Savona che si occuperà di avvisare le navi». 

Va ricordato, tuttavia, che quando emergono per respirare i capodogli rimangono in silenzio. Tale particolare potrebbe determinare un margine di errore nella localizzazione degli animali, poiché potrebbero spostarsi mentre si trovano in superficie. È qui, però, che entra in gioco un codice di buona condotta a cui i capitani delle imbarcazioni dovranno attenersi. A idearlo è stata la stessa ricercatrice siciliana. «Prevede che le navi non possano avvicinarsi sotto i cento metri dal punto in cui è stato localizzato il capodoglio. Mentre entro i 500 metri potranno transitare a velocità ridotta. Infine – conclude – già al di sotto delle tre miglia bisognerà fare attenzione». 

Il progetto si intitola Whalesafe ed è finanziato per metà dalla comunità europea. Tra i partner ci sono la già citata Capitaneria di Savona, Softeco e l’Acquario di Genova. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]