Studente picchiato dai posteggiatori abusivi «Le forze dell’ordine non sono intervenute»

«Stamattina sono stato vittima di minacce e percosse di due posteggiatori abusivi di piazza Dante». Inizia così il racconto di Luca, come chiameremo lo studente universitario che ha affidato alla pagina Facebook del movimento Posteggiamo i posteggiatori Catania il suo sfogo, dopo le botte subite ieri a fronte del suo rifiuto di lasciare le chiavi della propria auto agli abusivi che regolano la sosta nella trafficata piazza. Sede del dipartimento di Scienze umanistiche dell’università di Catania, vicina al liceo classico Spedalieri e agli ospedali Vittorio Emanuele e Santo Bambino. Un’aggressione subita nell’indifferenza delle forze dell’ordine, secondo la denuncia del ragazzo.

I due aggressori, racconta Luca, sono «uno di mezza età e un ragazzo, forse un apprendista allievo del parcheggiatore più anziano, che lavorano su una delle piazzole di sosta gratuite di questa zona». Dove il giovane, frequentatore abituale della zona, ieri mattina posteggia la sua auto. «Come al solito il parcheggiatore di mezza età mi ha detto di lasciargli le chiavi – continua – Mi sono rifiutato di lasciargliele, andandomene per la mia strada». Una scelta, quella di non piegarsi al pizzo da strada, a cui il gruppo Posteggiamo i posteggiatori Catania intende sensibilizzare i cittadini. Ma qualcosa per Luca va storto. «Da lì sono cominciati gli atti intimidatori e schiaffi perché avevo parcheggiato male, cosa non vera, e non li agevolavo nel loro lavoro. Per fortuna non ho riportato lesioni e ferite».

Durante la colluttazione, Luca racconta di aver chiamato polizia e carabinieri, ma senza risultati. «Continuavano a minacciarmi e strattonarmi, fino a quando si sono volatilizzati e sono andato dai carabinieri a sporgere denuncia. Sono andato da loro personalmente e ho fatto quello che andava fatto». Il ragazzo non specifica la caserma in cui avrebbe sporto denuncia, ma dalla vicina compagnia di piazza Dante – in via Teatro Greco – smentiscono di aver ricevuto segnalazioni. I commenti allo sfogo di Luca, intanto, si rivolgono proprio alle forze dell’ordine: «Di fronte a un mancato soccorso da parte dei carabinieri la soluzione sembra solo una: chiamare una squadra di amici giusta e farsi giustizia da sé», scrive Mirko. «La cosa grave è che spesso delle volanti sostano in piazza dante e fanno finta di nulla, come in tutta la città», aggiunge Valentina. «Lo studente universitario si deve ribellare? Ma se i carabinieri hanno sotto gli occhi questa attività da anni e non fanno un cazzo per quale motivo io, studente universitario, devo fare il paladino della giustizia e sfidare sta gentaglia?».

Eppure, nonostante la brutta esperienza, Luca continua a invitare soprattutto colleghi e docenti a non pagare i parcheggiatori abusivi. «Avete la possibilità di parcheggiare gratis, di risparmiare in questo tempo di crisi ma, cosa più importante, avete la possibilità più diretta di far chiudere i battenti a questa cooperativa di cani randagi di Piazza Dante! – conclude – Non sanno ragionare, non sanno cos’è la giustizia. Evitate di aprire dialoghi con loro e non pagate. E, se osano minacciarvi, denunciate».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ieri mattina Luca, come chiameremo lo studente vittima dell'aggressione, ha posteggiato come sempre la sua auto in piazza Dante rifiutandosi di lasciare le chiavi agli abusivi della sosta. Questa volta, però, in risposta ha ricevuto minacce e schiaffi. Denunciate recandosi di persona dai Carabinieri, racconta, che non si sono fatti vivi sul posto, così come la polizia, nonostante le telefonate. Dal comando più vicino, però, smentiscono di aver ricevuto segnalazioni

Ieri mattina Luca, come chiameremo lo studente vittima dell'aggressione, ha posteggiato come sempre la sua auto in piazza Dante rifiutandosi di lasciare le chiavi agli abusivi della sosta. Questa volta, però, in risposta ha ricevuto minacce e schiaffi. Denunciate recandosi di persona dai Carabinieri, racconta, che non si sono fatti vivi sul posto, così come la polizia, nonostante le telefonate. Dal comando più vicino, però, smentiscono di aver ricevuto segnalazioni

Ieri mattina Luca, come chiameremo lo studente vittima dell'aggressione, ha posteggiato come sempre la sua auto in piazza Dante rifiutandosi di lasciare le chiavi agli abusivi della sosta. Questa volta, però, in risposta ha ricevuto minacce e schiaffi. Denunciate recandosi di persona dai Carabinieri, racconta, che non si sono fatti vivi sul posto, così come la polizia, nonostante le telefonate. Dal comando più vicino, però, smentiscono di aver ricevuto segnalazioni

Ieri mattina Luca, come chiameremo lo studente vittima dell'aggressione, ha posteggiato come sempre la sua auto in piazza Dante rifiutandosi di lasciare le chiavi agli abusivi della sosta. Questa volta, però, in risposta ha ricevuto minacce e schiaffi. Denunciate recandosi di persona dai Carabinieri, racconta, che non si sono fatti vivi sul posto, così come la polizia, nonostante le telefonate. Dal comando più vicino, però, smentiscono di aver ricevuto segnalazioni

Ieri mattina Luca, come chiameremo lo studente vittima dell'aggressione, ha posteggiato come sempre la sua auto in piazza Dante rifiutandosi di lasciare le chiavi agli abusivi della sosta. Questa volta, però, in risposta ha ricevuto minacce e schiaffi. Denunciate recandosi di persona dai Carabinieri, racconta, che non si sono fatti vivi sul posto, così come la polizia, nonostante le telefonate. Dal comando più vicino, però, smentiscono di aver ricevuto segnalazioni

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]