Strage Capaci, proiezione del film Belluscone La firma di Maresco per un ricordo anti-retorico

Il 23 maggio 1992 vennero uccisi, con un attentato, Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Vito SchifaniRocco Dicillo e Antonio Montinaro. A 23 anni dalla strage, oltre ai ricordi istituzionali – spesso tacciati di ipocrisia e professionismo dell’antimafia -, non mancano le iniziative organizzate dai cittadini. Come la commemorazione dall’intento anti-retorico ai cantieri culturali della Zisa. Dove stasera, nella sala cinematografica dedicata a Vittorio De Seta – struttura dalla grande potenzialità, ma dimenticata dalle istituzioni -, l’associazione culturale Lumpen organizza la proiezione speciale della pellicola Belluscone – una storia sicilianadiretta da Franco Maresco. A seguire, dopo il lungometraggio, verrà presentato agli spettatori Il mio 1992, un lavoro inedito dell’autore palermitano che condensa sequenze del film mai mostrate e frammenti audiovisivi realizzati più di venti anni fa, durante uno dei periodi più bui della storia, non solo siciliana. Non un caso isolato nella carriera di Maresco che, al di là dei lavori noti, passa anche attraverso centinaia di videocassette e registrazioni, collezionate nel tempo e mai presentate al pubblico.

Belluscone, l’ultimo lavoro realizzato dall’autore palermitano, concluso a fatica dopo una gestazione di tre anni e trionfatore a Venezia nella sezione Orizzonti, mostra la lucida e disincantata visione di Maresco sulla realtà e il cinema. Il tentativo di spiegare la relazione che lega Silvio Berlusconi all’universo di Brancaccio – quartiere in cui l’impresario Ciccio Mira organizza concerti neo-melodici e dove l’ex-premier raccoglieva percentuali di consenso elevatissime -, di dimostrare il collegamento criminale tra Cosa nostra e la Brianza – concretizzatosi nel presunto prestito di Stefano Bontate – naufraga in un film mai completato. Così lo presenta il critico cinematografico Tatti Sanguineti, che prende il ruolo di guida nella ricerca, lungo la pellicola, di Franco Maresco, dato per scomparso.

La tesi di un possibile film politico, come non ne vengono più prodotti in Italia è solo una cornice. Il film sviluppa una narrazione sociologica e antropologica che pone lo spettatore – e quello siciliano ancora di più -, di fronte a uno specchio. La macchina da presa è fissa sull’umanità della borgata palermitana, sul volto di Ciccio Mira, reticente sostenitore di una mafia buona, quella del passato, e che non vorrebbe organizzare concerti il 23 maggio perché la musica napoletana non farebbe al caso. I microfoni raccolgono le sonorità di Vorrei conoscere Berlusconi, canzone scritta da Erik – residente a Villagrazia e rispettoso verso il boss Bontate – e interpretata da Vittorio Ricciardi – neomelodico che dice di no alla violenza in generale, ma non rifiuta apertamente mai la mafia -, negli affollati concerti di piazza in cui vengono ripetutamente salutati e omaggiati i detenuti, gli ospiti dello Stato.

La realtà di un sottoproletariato che adora e rivuole al potere Belluscone, nella morbida variazione sonora palermitana, è mostrata sullo schermo e resa vicina attraverso l’occhio e la camera di Franco Maresco, che appiana il confine della periferia segnato dai viali e dai palazzoni in cui gli spettatori di rado si addentrano. Senza confinare l’orrore entro limiti geografici e di classe. Perché nel film la borghesia mondana mostra la propria incoscienza di ciò che è stato, che diventa complicità; una rimozione della memoria storica che rende la lotta al fenomeno mafioso una sconfitta perenne e trasversale alla società. Non c’è spazio per la celebrazione artificiosa di una società siciliana che vive la mafia come «un fatto umano che avrà anche una fine». Il pessimismo di Leonardo Sciascia, di una Sicilia abitata da professionisti dell’antimafia e perennemente soggiogata dal male coincide quasi con quello totalizzante di Franco Maresco.

Al cinema De Seta, stasera, l’obiettivo è non lasciare spazio al piangersi addosso né all’autoassoluzione. Come quando, tre giorni dopo l’attentato di Capaci, Pietro Giordano, in una delle sue ultime metamorfosi di Cinico Tv, diventò una bomba, «messa lì dalla mafia». Successe in prima serata su RaiTre, ad opera del duo ancora poco famoso Ciprì&Maresco. Le polemiche furono feroci. Ma costrinsero, allora come oggi, a un altro punto d’osservazione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]