Strada scolastica alla Cavour: residenti a favore e contro Il faccia a faccia con gli assessori Trantino e Arcidiacono

Che la realizzazione della strada scolastica in via Carbone non piaccia proprio a tutti è un dato. C’è chi, come alcuni genitori, vuole scongiurarne la paventata chiusura e chi invece prediligerebbe un piano alternativo. C’è chi, come Legambiente, considera il mantenimento della strada scolastica davanti alla scuola statale Cavour «una conquista di civiltà» e chi, come parte dei residenti, pensa che metta a rischio la sicurezza degli stessi studenti nonché la viabilità di una zona, come quella di Largo dei Vespri, già di per sé dagli spazi ridotti. Per questi motivi, ieri pomeriggio, l’amministrazione comunale rappresentata dagli assessori al ramo Enrico Trantino e Pippo Arcidiacono, insieme agli attivisti di Legambiente, è tornata nella via sotto l’occhio del ciclone per incontrare i cittadini. Anche sull’incontro, però, le posizioni divergono. 

«Siamo contenti che la realizzazione sia stata difesa così strenuamente – commenta a MeridioNews la presidente di Legambiente Catania Viola Sorbello – in un incontro in cui gli assessori hanno preso atto della volontà dei più». Posizione diversa, quella del comitato dei residenti, che pare essere sul piede di guerra. «L’amministrazione ha pensato di fare una passerella con un’approssimazione progettuale che sconcerta», è la posizione di Giuseppe Indorato in rappresentanza del comitato. Dopo avere esposto alcune criticità, «senza che siano mai state prese in considerazione dall’amministrazione», sottolinea Indorato, il comitato si costituirà ufficialmente sabato pomeriggio in occasione di una riunione che, a sentire lo stesso comitato, sarà propedeutica ad avviare ulteriori azioni affinché le doglianze non rimangano solo sulla carta. «Quello di ieri non è stato un incontro ma uno sfogatoio male articolato – lo definisce Indorato – a cui, peraltro, si è sottratta la dirigenza scolastica». 

«Si è scelto di chiudere completamente un tratto viario fondamentale – prosegue -, nella logica tipica ambientalista: “Io chiudo, punto e basta“». Per il comitato però, «la crescita di una città deve essere valutata e ponderata rispetto al contesto e agli effetti, qui su via Redentore gli spazi sono risicati e la concentrazione di ragazzi non aiuta in questo senso». L’apertura della strada scolastica è stata giustificata anche con la considerazione per la quale al meno traffico in circolazione corrisponderebbero meno emissioni di co2. «La chiusura della via al traffico veicolare non contribuisce minimamente alla riduzione delle emissioni – sostiene Indorato – perché i ragazzi vengono comunque accompagnati in macchina». 

A fare storcere il naso ai residenti, oltre alle condizioni di viabilità è il venir meno di posti disponibili per il parcheggio. «C’è una limitazione profonda perché sono venuti meno cento stalli e in un’area così ridotta è un dramma». Ma la preoccupazione più grande è data dai percorsi in sicurezza. «Come intendono veicolare i passaggi chiusi in sicurezza – si chiede Indorato -, se il problema è l’accesso degli studenti, la chiusura potrebbe essere disposta solo per l’ingresso e l’uscita da scuola», è la proposta del comitato. Sollecitazioni che pare non abbiano trovato alcuna risposta. «Servirebbe una pianificazione e una concertazione che per il momento non c’è mai stata», conclude Indorato. Intanto l’amministrazione sarebbe pronta a una nuova convocazione delle parti in causa, coinvolgendo ancora una volta la commissione Viabilità. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]