Statale 683, arriva l’ultimatum di Anas al Consorzio Valori. Ex operaio: «Così ci stanno uccidendo»

Un cantiere ancora fermo, gli operai che restano in attesa di percepire le paghe e una battaglia tra aziende e stazione appaltante. Rimane nel limbo la vicenda che riguarda il cantiere di uno dei lotti della strada statale 683 Licodia Eubea-Libertinia, in provincia di Catania. «Da mesi, viviamo malissimo questa situazione. Io, per esempio, non posso più pagare le rate del mutuo e ci sono difficoltà anche per l’acquisto dei farmaci», spiega a MeridioNews Sebastiano Schillaci. Originario di Ramacca (nel Catanese), una vita passata a fare l’operaio e una famiglia con tre figli da portare avanti. «Ci hanno detto che i soldi per pagarci non c’erano più, senza capire che così gli operai li uccidono – continua Schillaci – Molti di noi sono stati licenziati, altri si sono dimessi, ma è impensabile pensare di arrivare a fine mese con i soldi della disoccupazione».

Se da un lato c’è la disperazione degli operai, dall’altro esiste una trattativa per riuscire a trovare una via d’uscita in questa storia. È quella intavolata dai sindacati – Fillea Cgil, Feneal Uil e Filca Cisl – all’Ispettorato del Lavoro. Gli ultimi due incontri, però, si sono risolti in quasi nulla di fatto. Il primo risale al 22 gennaio. Oltre ai rappresentanti dei lavoratori erano presenti l’Anas, come stazione appaltante, e la società esecutrice Unicos, cioè quella che ha smesso di pagare gli operai e che ha ottenuto l’appalto dal Consorzio Valori Scarl, di cui fa parte. Assente, invece, proprio il Consorzio. Identica situazione il 26 gennaio, quando si è svolto il secondo appuntamento della vertenza, sempre nella sede dell’ispettorato del lavoro. Una doppia assenza mal digerita da sindacati e lavoratori ma che il Consorzio aveva annunciato pochi giorni prima della prima convocazione. «Fin dall’inizio delle attività di cantiere, abbiamo sostenuto e supportato finanziariamente l’impresa consorziata Unicos – si legge nel documento – provvedendo sia alla liquidazione anticipata degli stati d’avanzamento dei lavori, rispetto ai tempi di pagamento della stazione appaltante, che a erogare una cospicua anticipazione contrattuale. Tutto ciò al solo fine di dare impulso alle lavorazioni e pagare le maestranze impiegate nel cantiere». Un’anticipazione nei confronti di Unicos che ammonterebbe a quasi 3 milioni di euro.

Cosa succederà adesso? Anas, durante entrambi gli appuntamenti, ha spiegato di avere chiesto un parere al proprio ufficio legale per «potere procedere all’azione di surroga», si legge nel verbale dell’incontro. Quindi, una sorta di tutela del diritto di credito degli operai. «Qualora codesto appaltatore (il Consorzio Valori Scarl) – si legge in una nota di Anas inviata ad Unicos e al Consorzio Valori – non procederà nel breve termine alla corresponsione delle suddette retribuzioni, questa stazione appaltante procederà a trattenere le somme dovute nel redigendo Stato di avanzamento dei lavori e al successivo pagamento in surroga».

«Registriamo, da una parte, l’atteggiamento di Unicos che a metà dicembre comunica ai lavoratori di non potere ottemperare ai pagamenti stravolgendo le loro vite quasi all’improvviso – spiegano al nostro giornale Dario Gulisano e Vincenzo Cubito, rispettivamente segretario e segretario generale Fillea Cgil Catania e Caltagirone, Antonino Potenza e Omar dell’Ombra, rispettivamente segretario generale e territoriale Feneal Uil Catania – così come siamo esterrefatti rispetto all’atteggiamento del Consorzio che, pur avendo dato tutte le motivazioni del caso, non ha voluto incontrarci. Cosa ancor più grave – aggiungono – ha disertato gli incontri all’ispettorato. I lavoratori, in questo momento, non sanno da chi e quando prenderanno i soldi. Nei fatti, abbiamo notato una certa lontananza nei loro confronti. Tuttavia – concludono i sindacalisti – prendiamo con favore la nota di Anas e ci aspettiamo che il Consorzio decida come procedere dando così una rapida soluzione a questa vicenda». Qualcuno pagherà ma quando? Se a farlo sarà il Consorzio i tempi saranno più veloci, mentre in caso di surroga da parte di Anas potrebbero passare fino a 90 giorni.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]