Spiagge pubbliche di Catania, c’è ancora molto da lavorare

A meno di un mese dalla riapertura delle strutture balneari le spiagge comunali catanesi presentano uno scenario piuttosto squallido. Sporcizia ed immondizia un po’ ovunque, reti protettive divelte per assicurare l’ingresso non autorizzato a bagnanti e a chiunque volesse approfittare della solitudine notturna dei litorali, muratori ed imbianchini che lavorano in maniera piuttosto approssimativa e per lo più insufficienti come numero. Insomma una specie di bazar, contrapposto alla grande efficienza delle strutture balneari private che ogni anno sembrano essere sempre più attrezzate ed eleganti.

Andiamo per ordine ed elenchiamo lo stato di salute delle tre spiagge gestite dall’amministrazione comunale.

Il nostro viaggio parte dalla spiaggia libera numero 1, tuttora la più frequentata dai bagnanti, forse per essere la più vicina all’ingresso del viale Kennedy della playa. Il cancelletto è chiuso con un piccolo catenaccio, ma i muretti bassi consentono l’ingresso ai bagnanti. Anche noi entriamo scavalcando il tramezzo divisorio, ma solo per andare a curiosare. Molta gente è già distesa al sole per godere della bellissima giornata, ideale per fare un bagno, in un’acqua che però non è molto limpida. Una ragazza ci dice che per stendere il suo telone da mare ha dovuto togliere un grosso cumulo di lattine, bottiglie vuote di vetro ed immondizia varia. Effettivamente vediamo che ogni bagnante è circondato da questi mucchietti di sporcizia, presumibile quindi pensare che tutti abbiano dovuto rimuovere dei materiali maleodoranti e sudici prima di prendere posto in spiaggia. Torniamo indietro per vedere le condizioni della struttura. Un operaio sta cercando di rendere più agevole il bagno, compito abbastanza difficile, mentre un altro si sta occupando della costruzione che probabilmente dovrà ospitare il bar. Passando nella zona delle docce ci rendiamo conto che anche lì c’è ancora molto da lavorare.

Terminata la nostra prima visita, uscendo nuovamente dal muretto, ci mettiamo in cammino per andare a vedere la prossima struttura: la spiaggia libera numero 2. Anche questa è ancora ufficialmente chiusa. I manovali intenti a svolgere i lavori di riassetto ci dicono che la data di apertura sarà fissata improrogabilmente per il 15 giugno. Davanti ai cancelli chiusi troviamo comunque due posteggiatori abusivi, pronti a “custodire” le auto parcheggiate all’interno delle strisce bianche lungo la strada che costeggia la struttura. Parte della recinzione accanto al cancello d’entrata più piccolo è stata abbattuta: è da qui che accedono i bagnanti, meno numerosi di quelli della spiaggia comunale numero 1. I servizi igienici e gli spogliatoi sono inagibili e in via di ristrutturazione. Nei bagni porte e piastrelle sono fatiscenti, mentre rubinetti e sciacquoni perdono acqua. La gente è costretta a cambiarsi negli angoli meno in vista. Le docce, all’aperto, appaiono in buone condizioni. La spiaggia è stata spianata e risulta, fra quelle delle tre strutture comunali, la meno sporca: vi si trovano molti piccoli detriti di legni e plastiche, ma non ci sono bottiglie, lattine e veri e propri sacchi di immondizia come nelle altre due battigie.

Anche questa visita è finita, pertanto ci dirigiamo verso l’ultima struttura balneare gestita dal comune: la spiaggia libera numero 3. Con nostra grande sorpresa scopriamo che la costruzione è stata aperta ufficialmente il 25 di aprile. Ce lo dice un posteggiatore, questa volta non abusivo, che ci spiega che la struttura è funzionante da meno di un mese. Entriamo anche qui, questa volta dal cancello principale, ma ben presto ci accorgiamo che la situazione non è molto diversa da quella delle altre due spiagge appena visitate. La battigia è per molta parte ricoperta da rifiuti di vario genere: bottiglie di vetro e di plastica vuote, detriti di legni e veri e propri fagotti di immondizia ben impacchettati ma disseminati per il litorale. Inoltre ci sono delle grosse buche scavate nella sabbia. I bagni sono fatiscenti e quasi inagibili. Nessun operaio è a lavoro, poiché la struttura è gia aperta, anche se francamente ce ne sarebbe il bisogno. Anche in questo caso usciamo dalla spiaggia desolati e tristi.

Prima di andare via abbiamo pensato di dare un’occhiata anche allo stato del Lido Università: è chiuso e deserto. La spiaggia è sporca e fra quella di fronte alle cabine sono perfino cresciute le erbacce. Sembra proprio che non sia una giornata fortunata per noi.

Andiamo infine a segnalare una cosa che ci è sembrata abbastanza grave. Il Comune di Catania ha mandato alla nostra redazione un comunicato stampa, via e-mail, che diceva che le spiagge comunali della playa catanese erano state ripulite. Purtroppo abbiamo constatato che per il momento non è così e che ancora servirebbero delle indispensabili manutenzioni per renderle fruibili. Per questo per verificare la incompleta iniziativa dell’amministrazione comunale vi invitiamo a guardare la fotogallery allegata a questo articolo.

Tuttavia, a meno di un mese dalla riapertura delle spiagge pubbliche di viale Kennedy, la nostra speranza è che il comune si impegni al massimo per rinnovare tali strutture, affinché tutti i bagnanti amanti del mare, catanesi e non, possano godere delle bellezze naturali delle nostre spiagge, seconde ad altre soltanto per la loro sporcizia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]