A Siracusa la vetrina della sede dell’associazione ambientalista è invasa dai rifiuti

Sacchetti con dentro spazzatura di ogni tipo non differenziata, pezzi di mobili di legno e altri rifiuti anche ingombranti. «La nostra vetrina è continuamente invasa dai rifiuti del condominio con cui confina», denuncia il presidente dell’associazione ambientalista Natura sicula Fabio Morreale. La sede si trova a Siracusa, al numero civico 24/A in piazza Santa Lucia, a fianco della basilica normanna. «Una vergognosa scesa da terzo mondo – lamentano dall’associazione – in un’area frequentata da migliaia di turisti attratti dai luoghi intitolati alla Santa patrona». Gli attivisti lamentano questa situazione che dicono di denunciare ormai da così tanto tempo al punto da avere perso ogni speranza di risoluzione. «La prima segnalazione – puntualizzano da Natura sicula – con una richiesta di intervento, fu inviata al sindaco Francesco Italia e al comandante della polizia ambientale Vincenzo Miccoli l’8 giugno del 2022».

Erano i giorni del blocco della discarica di Lentini di Sicula Trasporti. «In quella occasione – continua Morreale – si formò una montagna di rifiuti e un insopportabile odore di percolato che non consentiva il regolare svolgimento delle attività sociali in sede. Specificare cosa il Comune abbia fatto da allora è perfettamente inutile visto il risultato: la vetrina è ancora invasa dai rifiuti, creando un ostacolo fisico anche solo per pulire i vetri». Un anno in cui da parte di Natura sicula sarebbero andate avanti con costanza le richieste di intervento all’amministrazione comunale per trovare una soluzione in grado di risolvere il problema. Stando a quanto ricostruito dagli attivisti dell’associazione ambientalista, la situazione invece andrebbe avanti sempre uguale, con cumuli di rifiuti di ogni tipo ammassati davanti alla vetrina ogni giorno. «Ormai abbiamo perso ogni speranza: i numerosissimi solleciti di intervento sono caduti nel vuoto, uno a uno».

Secondo quanto ricostruito da Natura sicula, tutto è cominciato in concomitanza con l’inizio del servizio di raccolta differenziata porta a porta. «Al condominio limitrofo (e non capiamo il perché visto che ci sono più di dieci appartamenti) furono consegnati i mastelli, anziché i carrellati con l’indicazione del suolo pubblico in cui collocarli. L’edificio – continuano dall’associazione ambientalista – non dispone di un cortile in cui internalizzare i contenitori. E, avendo il condominio poco spazio davanti il portone di ingresso, da quel momento è cominciata l’anarchia: anziché esporre i rifiuti al limite della proprietà, questi vengono collocati davanti la nostra vetrina. Ad aggravare la situazione, lo scarsissimo uso dei mastelli, il frequente conferimento di rifiuti ingombranti, l’errata separazione dei rifiuti e il mancato rispetto del calendario dei conferimenti».


Dalla stessa categoria

I più letti

Sacchetti con dentro spazzatura di ogni tipo non differenziata, pezzi di mobili di legno e altri rifiuti anche ingombranti. «La nostra vetrina è continuamente invasa dai rifiuti del condominio con cui confina», denuncia il presidente dell’associazione ambientalista Natura sicula Fabio Morreale. La sede si trova a Siracusa, al numero civico 24/A in piazza Santa Lucia, […]

Sacchetti con dentro spazzatura di ogni tipo non differenziata, pezzi di mobili di legno e altri rifiuti anche ingombranti. «La nostra vetrina è continuamente invasa dai rifiuti del condominio con cui confina», denuncia il presidente dell’associazione ambientalista Natura sicula Fabio Morreale. La sede si trova a Siracusa, al numero civico 24/A in piazza Santa Lucia, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]