Siracusa, gli atti intimidatori visti dai cittadini Chi rievoca gli anni ’90 e chi respinge i paragoni

Una delle vittime delle intimidazioni l’ha definito «una sorta di Isis in salsa siracusana». La catena di bombe carta e incendi alle attività commerciali che negli ultimi mesi ha scosso Siracusa, ha prodotto un primo risultato: destare allarme sociale. La preoccupazione, camminando per le strade del capoluogo, è palpabile, nonostante nessuno abbia chiamato le forze dell’ordine per fornire un contributo alle indagini. «Se ne parla in ufficio, io alcuni boati li ho proprio sentiti», racconta una donna. A soffiare sul fuoco dell’enfatizzazione contribuiscono i social network, dove sta diventando un mantra il paragone con gli anni ’80 e ’90. Parole che riecheggiano anche in strada. «Mi sento catapultata indietro nel tempo – afferma un’altra donna – ero andata via da Siracusa nei primi anni 2000, sono tornata da poco e non ho più trovato la città tranquilla che conoscevo». «Siracusa è cambiata – le fa eco un’anziana di origini campane che racconta di essersi innamorata della città da giovane al punto da decidere di passarci tutta la sua vita – rapine, scippi, bombe, non la riconosco più».

Ma chi ha davvero memoria dei decenni passati, non ci sta a dare adito al paragone. «Non scherziamo – attacca una mamma, con accanto la figlia adolescente – io ricordo le bombe vere messe ai negozi alla fine degli anni ’80, niente a che vedere con quelle di oggi». Una tesi, quest’ultima, sostenuta anche dal referente delle associazioni antiracket della provincia, Paolo Caligiore, che rinnova l’appello a denunciare: «Siamo riusciti a raggiungere un traguardo importante: la denuncia senza mettere niente per iscritto, basta andare dalle forze dell’ordine e fornire il proprio contributo». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo