Showtime! E’ di scena Laura Morante

E’ di scena il fascino di Laura Morante, questa volta. L’ultima, per la 51ma edizione del Taormina film festival. Un fascino, beninteso, che si accompagna ad un grande, riconosciuto talento, valorizzato dalla lucida presentazione di un autorevole e ormai decisamente popolare Steve Della Casa, che pur nella pronuncia blesa di una discreta porzione del ventaglio fonematico occidentale, ha reso con la massima trasparenza il senso di una carriera segnata da un consolidato successo presso pubblico e critica.

Le risposte dell’attrice toscana, puntualmente garbate e lineari – alle questioni poste dall’autore de “La 25ma ora”, come alle domande degli spettatori presenti in sala – hanno rivelato aspetti della sua visione del mestiere di attore di particolare interesse. E’un’artista a cui piacciono le sfide, Laura Morante; che disapprova con fermezza la disinvoltura con cui si fanno scelte troppo facili. Perché la sfida sta tutta nel “salvare la pelle, cavarsela”, superare senza colpo ferire le prove che contano,
“i film brutti”. O meglio, i film che hanno fatto discutere. Perché vale la pena confrontarsi anche con quei soggetti che sembrano misurarsi con l’agone politico, con la cronaca più scottante. E l’interpretazione del ruolo di Giulia in un film come “Colpire al cuore”ne è un esempio. Pellicola  nella quale al tema dei rapporti personali si intreccia quello drammatico del terrorismo italiano e che non avrebbe potuto essere girata in tempi più difficili.

Ma una delle più apprezzate interpreti del cinema italiano ha deprecato con altrettanta decisione anche talune scelte registiche che sembrano pesantemente indirizzate verso il ricorso a primi piani che, troppo spesso, si spiegano con la pigrizia mentale; o, più probabilmente, con la tendenza a proporre modelli televisivi. Ma Laura Morante non grida allo scandalo. Sarebbe banale. E l’esercizio della banalità si addice meglio alla critica cinematografica deteriore. E alle sue stucchevoli opere.

Ad ogni modo, se è vero, com’è vero, che impegno e stoffa rappresentano dati fondamentali negli ambiti apparentemente meno compatibili, senza dubbio la maniacalità non costituisce seriamente un elemento caratterizzante l’approccio dell’attrice alla lettura di un  copione. A fare la differenza sono, piuttosto, i colori, le immagini evocate.

“Servire il testo”, ecco cosa afferma di voler fare l’artista: con il teatro, il doppiaggio ma, anche – confessa – con la radio.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]