Palermo, sei milioni di euro di beni sequestrati al clan del Villaggio Santa Rosalia

Sei milioni di euro di beni sono stati sequestrati a otto persone accusate di essere appartenenti alla famiglia mafiosa del Villaggio Santa Rosalia, che rientra nel mandato di Pagliarelli di Palermo. Gli stessi sono indagati per traffico di sostanze stupefacenti e per trasferimento fraudolento di valori aggravati dalla finalità mafiosa. I provvedimenti sono stati emessi nei confronti di Giovanni Cancemi (53 anni), Andrea Ferrante (48 anni), Rosaria Leale (33 anni), Francesco Maniscalco (35 anni), Silvestre Maniscalco (44 ​​anni), Rosario Manno (57 anni), Leonardo Marino (34 anni) e Salvatore Sorrentino (58 anni). 

Le indagini sono condotte dal nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo nell’ambito dell’operazione denominata Villaggio di famiglia. Il 27 giugno sono già state eseguite 33 misure cautelari, per 25 era stato disposto il carcere. Venti delle persone finite nell’inchiesta della guardia di finanza percepivano – direttamente o tramite il proprio nucleo familiare – il reddito di cittadinanza, beneficio che è stato sospeso.

Secondo l’accusa, la famiglia mafiosa del Villaggio Santa Rosalia avrebbe controllato e condizionato il tessuto economico del territorio. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti nulla sarebbe sfuggito: dalla vendita ambulante di pane con l’imposizione dei prezzi di vendita dei prodotti alla fornitura in regime di monopolio dei fiori attraverso una rete di venditori palermitani nei pressi dei cimiteri di Sant’Orsola e Santa Maria dei Rotoli che favorivano le imprese ragusane, vicine ad esponenti mafiosi legati ai clan stiddari di Vittoria. L’apertura dei negozi avveniva dietro autorizzazione con l’imposizione di ditte e tecnici per la realizzazione di lavori nei locali. La mafia avrebbe controllato anche gli affari immobiliari, le aziende del settore edile e del movimento terra ed era sempre pronta a dirimere le controversie tra privati. Diversi affiliati tengono la cassa dei soldi. Riserve di denaro contante per potere assicurare il sostegno economico ai carcerati o a chi si trovava in difficoltà economica

Anche al Villaggio sarebbero arrivati ​​negli anni carichi di cocaina dalla Calabria. Nel corso delle indagini è stato ricostruito il pagamento di un grosso quantitativo di droga per circa 700mila euro. I finanzieri in quell’occasione bloccarono un corriere con sette chili di droga. Sulla base degli elementi acquisiti, il tribunale ha disposto il sequestro finalizzato alla confisca «per sproporzione» di 13 immobili, di cui nove abitazioni, tre magazzini e un terreno; sette attività economiche, con sede a Palermo, nei settori del commercio di veicoli, del movimento terra, del trasporto merci su strada, della preparazione del cantiere edile, dei minimercati, della produzione di prodotti di panetteria, della ristorazione e del commercio di frutta e verdura; sei veicoli.


Dalla stessa categoria

I più letti

Sei milioni di euro di beni sono stati sequestrati a otto persone accusate di essere appartenenti alla famiglia mafiosa del Villaggio Santa Rosalia, che rientra nel mandato di Pagliarelli di Palermo. Gli stessi sono indagati per traffico di sostanze stupefacenti e per trasferimento fraudolento di valori aggravati dalla finalità mafiosa. I provvedimenti sono stati emessi nei […]

Sei milioni di euro di beni sono stati sequestrati a otto persone accusate di essere appartenenti alla famiglia mafiosa del Villaggio Santa Rosalia, che rientra nel mandato di Pagliarelli di Palermo. Gli stessi sono indagati per traffico di sostanze stupefacenti e per trasferimento fraudolento di valori aggravati dalla finalità mafiosa. I provvedimenti sono stati emessi nei […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]