Sepiatone on stage

Ad una manciata d’anni di distanza dal loro esordio con “In Sepiatone” (2001), i Sepiatone della cantautrice e tastierista catanese Marta Collica e del cantautore australiano Hugo Race si sono ripresentati nel 2005 con “Darksummer”, piccolo gioiello venato da sonorità trip-hop e portato in tour in giro per il mondo; tocca questa sera allo Zo di Catania ospitare i due poliedrici artisti per una performance che, fin da subito, si rivelerà dal forte impatto emotivo.

Sono da poco scoccate le 23 quando la cantante catanese Daniela Ardito, guest della serata, dà il benvenuto ad una sala già abbastanza piena, accompagnata dal supporto del chitarrista Marcello Caudullo. I due si fanno apprezzare per una mezz’ora che trascorre in fretta, e sta così per arrivare il nuovo giorno nel momento in cui l’ex Bad Seeds Hugo Race fa capolino sul palco per gli ultimi accorgimenti tecnici. Lo raggiunge di lì a poco la Collica: Race imbraccia la sua chitarra e si posiziona su uno sgabello mentre la Collica, seduta alle tastiere, dà l’ok per iniziare.

La scaletta della serata prevede come da copione la riproposizione del loro ultimo lavoro in studio nonché, sparsi qua e là a mo’ di succosi intermezzi, pezzi estratti dal loro primo album ed altri da “Pretty & Unsafe”, esordio solista di Marta prossimo alla pubblicazione. La sei corde di Race tesse melodie languide e morbide che solo a tratti lasciano spazio a struggenti accelerazioni, proprio mentre le mani della Collica aumentano la loro velocità nel muoversi sulla tastiera; i due si alternano nel dare gli input, quando è Hugo a farla da padrone è invece Marta ad occuparsi dei controcanti, e viceversa, mentre non sono pochi i momenti in cui le loro voci si rincorrono lungo tutta la durata dei brani, dando vita a duetti degni dei blasonati Mark Lanegan ed Isobel Campbell. Race si immedesima nel dettare i tempi dell’esibizione, seguendo col labiale le parole pronunciate dalla Collica, che si permette anche una breve divagazione alla chitarra lasciando “incustodito” il suo strumento principale. I brani si susseguono velocemente, per la maggior parte brevi ma di una intensità disarmante, soprattutto quando i due si lasciano andare a delicate code strumentali.

L’assenza dal vivo di sessione ritmica ed archi, presenza invece corposa nell’album, dà all’intera esibizione quel tocco minimalista ed essenziale che rende il tutto più intimo, dolce e, perché no, dinamico. Quando il concerto sembra essere giunto al termine, coi nostri che scendono dal palco per dirigersi verso i camerini, ecco che li si rivede venire fuori accompagnati dagli applausi; un pugno di brani ancora per l’immancabile bis, la Collica invita sul palco Daniela Ardito e Marcello Caudullo e, a formazione allargata, vengono eseguiti un paio di pezzi in cui non manca l’improvvisazione. Hugo Race annuncia quella che sarà “the last song”, ormai ben al di là della scaletta inizialmente prevista, supporta Marta fino alla fine del suo canto per poi scendere definitivamente dal palco mettendo la parola fine ad una superba prestazione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]