Se rinascessi farei di nuovo lo stilista-sarto

Alfonso Zappulla, noto e affermato stilista catanese, recentemente è stato a Roma per partecipare a una sfilata ispirata al film “Vacanze Romane”, che riportava agli indimenticabili Anni 50, in cui  l’entusiasmo e la gioia di vivere si rifletteva anche sugli abiti, ariosi e leggeri. Lui ha portato in passerella due begli abiti, in seta e denim, tessuti protagonista indiscusso dell’epoca, ispirandosi a Grace Kelly.  Alfonso Zappulla ha all’attivo importanti partecipazioni a concorsi nazionali, oltre ad apparizioni a trasmissioni televisive quali “Buona Domenica” e “Casa Rai Uno” e a un importante gala – patrocinato dal Senato della Repubblica – svoltosi nella Galleria Principe di Napoli, il cui ricavato è andato ad Amnesty International. 
 
Noi lo abbiamo incontrato per conoscerlo meglio e sapere qualcosa in più di lui.

Com’è stata l’esperienza romana ?
Bellissima. Sfilare nella capitale è un’altra realtà, senza nulla togliere alla nostra città. A Roma si può lavorare con molta più facilità rispetto a Catania. Devo dire che siamo a un buon livello qui e penso che tra non molto raggiungeremo i livelli romani. Credo che il Made in Sicily debba essere sviluppato e alimentato sempre più perché la nostra terra è viva, ricca di molte risorse umane che dovrebbero essere sviluppate e valorizzate al meglio.

Come hai iniziato ?
Dopo il diploma di geometra, ho lavorato in uno studio di ingegneri molto facoltoso. Pensa, il mio capo era il presidente dell’Albo degli Ingegneri. Ma per me lavorare lì era come andare in galera. Avevo voglia di creare, non case o piantine, bensì abiti da donna in modo da poterla valorizzare e renderla ancora più bella, per tirare fuori ciò che di bello ha dentro e manifestarlo con i miei abiti. Ho sentito questa ispirazione che mi è nata dentro dal nulla.

Sì ma praticamente ?
Lavoravo come grafico pubblicitario per un’agenzia di moda catanese. Un giorno uno dei soci mi ha lanciato una sfida: “Se riesci a realizzare 15 capi in 10 giorni, ti faccio fare una sfilata”.
Io ci sono riuscito e da lì, visto il successo riscosso, i miei genitori mi hanno aiutato ad aprire l’atelier.

Com’è la donna per la quale crei i tuoi abiti ? 
La mia donna è femminile, seducente in ogni momento della giornata, elegante e sobria, mai volgare. Quasi manager ma al tempo stesso principessa, come era Grace Kelly. Non a caso nella mia ultima collezione mi sono ispirato a lei. Invece, nella collezione precedente – presentata alla Galleria Principe di Napoli – mi sono ispirato alla principessa Sissi. Donne che nonostante la loro regalità e femminilità erano anche molto manager di se stesse. 

Chi vorresti vestire ?
Del passato Grace Kelly. Dei personaggi attuali Mariagrazia Cucinotta e Carol Alt.

Prepari collezioni da otto anni, ci racconti qualche aneddoto che ti è capitato nella tua carriera?
Una possibilità di collaborazione con Valentino che non è mai iniziata. L’ho incontrato a Buona Domenica e lì ho parlato col suo braccio destro per fissare un appuntamento. Nella maison il capo- stilista di Valentino ha visto i miei abiti e mi ha proposto di lavorare per lui, ma leggendo nel mio curriculum che avevo una mia attività, mi hanno chiesto di chiuderla. E io ho detto di no.

Oggi saresti disposto a chiudere l’atelier per lavorare con Valentino se te lo chiedesse di nuovo ?
No perché non scendo a compromessi. Non mi piace lavorare nell’anonimato.

Come vestiresti le due donne che sfileranno a Sanremo? 
Molto seducenti, ma sobrie. L’anno scorso Simona Ventura ha indossato dei capi scollati con la schiena scoperta e il reggiseno che si vedeva. Per me era volgare, a me personalmente non è piaciuta, voleva far parlare di sé e c’è riuscita. La Ventura si può permettere di fare qualche stravaganza in più. Neanche Dolce & Gabbana, i suoi stilisti, lo concepiscono.

Come ti definisci in tre parole ?
Sono una persona seria, umile e che ama il proprio lavoro, che faccio con passione. Se rinascessi di nuovo, rifarei lo stilista–sarto. Due dei miei nonni lo erano. E’ una cosa che ho nel sangue.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]