Se Baricco riscrive l’Iliade

Autore: Alessandro Baricco
Titolo: “Omero, Iliade”
Editore: Feltrinelli, 2004
Prezzo: € 13,00
Dati bibliografici: pagine 163

Baricco è un grande affabulatore, ed è noto. Il fascino delle sue parole, così semplici eppure così cariche di risonanze, è caratteristica comune a tutti i suoi lavori.
Uno scrittore, certo. Ma anche un grande narratore delle sue storie.
Non è facile riuscire a portare a teatro la parola scritta, leggendola per rappresentarla, solamente leggendola, davanti ad un pubblico di non lettori come sono gli italiani medi.

Dopo il successo del reading di City, Baricco ci riprova con un’altra opera, più ambiziosa e grandiosa. L’Iliade.
Un progetto che avrebbe intimorito chiunque. Eppure il successo ottenuto dalle letture pubbliche ha confermato che la sfida è stata vinta. Lo scopo primario, oltre a quello di raccontare una storia, che è poi il fine di ogni scrittore, restituire quest’opera all’oralità, cifra peculiare della poesia antica.

Quello che ne risulta, per chi non ha assistito allo spettacolo, è un libro. Che manca dell’interpretazione vocale, ma conserva intatto il fascino del confronto. Un confronto che l’autore per primo ha istituito con l’opera originale, ma che nella lettura si rinnova ogni volta.

Il lettore si torva di fronte ad un’opera decostruita e ri-assemblata, composta da 21 dialoghi più uno conclusivo, affidati ciascuno ad un personaggio della grande epopea omerica.
La narrazione è da un lato spezzettata, dall’altro contenuta in un più grande affresco umano. Ciascun personaggio rivive la stessa storia lasciandosene attraversare e restituendone un quadro tutto personale. Una narrazione tutta “in soggettiva”. Con le parole dell’autore, “[…] una fluviale narrazione che di volta in volta assume la faccia, la bellezza, la voce, il colore sentimentale di una persona diversa”.

Un storia di soli uomini. L’assenza degli dei, che tanta parte hanno nella versione omerica, si nota subito. E sembra una mutilazione gratuita e ingiustificata, se non fosse evidente la precisa scelta di concentrare il racconto sugli uomini.
Quello che si propone Baricco con questa riscrittura è in fondo una interpretazione odierna della storia, della guerra, degli uomini.
Lo dimostra la scelta di usare un italiano medio, corrente, eliminando ogni terminologia di derivazione classica o con interferenze poetiche.
Lo dimostra anche il saggio sulla guerra che chiude il libro.
Una guerra “bella”, per gli Achei come per Baricco, che ne recupera la dimensione estetica.

Secondo lo scrittore, sin dall’antichità l’uomo è attratto dalla battaglia perché, nell’accecante impeto verso il rischio e la morte, riesce a placare la sua ricerca della bellezza assoluta. Insieme ad Omero, dunque, Baricco invita a scoprire “un’altra bellezza possibile”, che prenda il posto della fatale fascinazione bellica odierna.
A pensarci, però, cosa ci può essere di “bello” nei corpi carni massacrati dalle bombe, nei campi innaffiati col sangue, nelle lacrime di chi la guerra la vive da vittima innocente?


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]