Scieri, testimone in commissione d’inchiesta Da Viberti contraddizioni e tanti «non ricordo»

«Non ricordo». È questa la frase più pronunciata da Stefano Viberti, il super-testimone che lunedì è stato ascoltato per la prima volta dalla commissione parlamentare di inchiesta sulla morte del militare siracusano Emanuele Scieri.

Quello di Viberti, che è l’ultima persona ad aver visto viva la vittima, è un racconto fatto con lo sguardo sempre basso e costellato di vuoti memoria e contraddizioni, sebbene in apertura la presidente Sofia Amoddio gli abbia ricordato che può provare a ripercorrere l’intera vicenda senza timori perché eventuali reati di falsa testimonianza sarebbero ormai prescritti.

Oggi fa il montatore meccanico, convive e ha un figlio di tre anni. Sentito numerose volte dai magistrati, Viberti ha precisato all’inizio dell’audizione di aver «sempre detto la verità e di non aver mai tenuto nascosto nulla di quello che era possibile dare come informazione. Eppure purtroppo – ha sottolineato – ho dovuto subire giudizi sbagliati su di me e non è stato facile passare per un reticente. Io garantisco – ha affermato l’ex commilitone – che non ho nulla da nascondere e che tutto quello che ho detto, l’ho detto con il cuore in mano in modo che si potesse venire a una spiegazione di questa brutta vicenda».

Il servizio militare per lui era cominciato il 21 luglio del 1999 presso la caserma Lupi di Toscana a Scandicci, dove aveva trascorso circa 25 giorni prima dell’ingresso nella caserma dei paracadutisti a Pisa. «In quei giorni io non avevo conosciuto Scieri – ha raccontato Viberti -. Non eravamo legati e il primo nostro contatto è stato proprio la sera del 13 agosto quando siamo usciti insieme anche a un altro commilitone. Prima di allora non avevamo mai avuto modo nemmeno di scambiare due parole».

È questo il punto che l’onorevole Amoddio ha contestato ricordandogli che il 31 luglio del 2000 era stato lui a dichiarare di conoscere molto bene Scieri già dai tempi di Firenze. Versione ribadita il 31 marzo del 2000, in un altro interrogatorio, quando aveva detto agli organi inquirenti che erano usciti insieme varie volte, andando anche a mangiare una pizza. In quelle occasioni, lo aveva addirittura descritto come un ragazzo serio e brillante. Ma Viberti, adesso, non ricorda. «In questo momento non ho grandi ricordi di cose precise da potervi raccontare – ha ribadito il commilitone che con Scieri divideva anche la stanza in quella caserma – e, quindi, passerei alla prima sera quando abbiamo avuto qualche ora di libera uscita e abbiamo girato per la città di Pisa per poi, rientrati in caserma, fumare una sigaretta lungo un viale antistante le compagnie vicino alla torretta. Non ricordo parole fra noi – ha proseguito – fino a quando Scieri mi ha detto che, prima di rientrare in camerata, doveva fare una telefonata». 

Viberti va avanti nel suo racconto, descrivendo ciò che secondo lui sarebbe accaduto dopo che Scieri si allontanò. «Durante l’appello venne detto da un altro commilitone che Scieri era rientrato in caserma ma non nella camerata – ha sottolineato il testimone -. Il mattino dopo non ricordo particolare allarmismo nel cercarlo, nemmeno da parte degli ufficiali. Noi non avevamo un rapporto di confidenza tale per cui avere grande preoccupazione – ha aggiunto -. Infatti, non ho sentito l’esigenza di andare a cercarlo. La preoccupazione più grande quel giorno era quella di adeguarsi alle nuove direttive di quel luogo». Una calma che avrebbe contraddistinto anche i giorni successivi. «La situazione sembrava tranquilla – ha concluso Viberti – e non ci eravamo fatti idee particolari se non quella sulla quale abbiamo anche scherzato nei giorni seguenti: che Scieri fosse uscito di nuovo dalla caserma». A questo punto, la presidente della commissione decide di secretare il seguito della seduta. 

Leggi il dossier sul caso Scieri


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]