Scieri, è il giorno della sentenza del processo per omicidio «Portiamo con noi il dolore e la speranza di questi 22 anni»

«Saremo ad attendere davanti al palazzo di giustizia di Pisa con addosso il peso di questi
22 lunghi anni». Oggi è il giorno della prima sentenza del processo per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto nell’agosto del 1999 nella caserma Gamerra di Pisa. Davanti al tribunale ci saranno anche gli amici dell’associazione Giustizia per Lele che non è stata ammessa come parte civile al processo. «La prima cosa che ho messo nello zaino – racconta a MeridioNews Carlo Garozzo, amico di Emanuele e presidente dell’associazione nata 15 giorni dopo la morte del parà – è lo striscione che ci ha accompagnati sempre, dalle piazze alle scuole, dall’audizione in commissione al tribunale». Un ritaglio bianco di stoffa con la scritta in maiuscolo blu e rossa Giustizia per Lele. «È stato un nostro compagno di viaggio, sporco dell’immenso sacrificio combattuto nel nome di Emanuele, rigido per il dolore che racchiude ma sempre colorato per il grande desiderio di verità e giustizia che porta con sé». 

Sarà il giudice per l’udienza preliminare
Pietro Murano a dovere prendere una doppia decisione. Da una parte, sulle richieste di condanna per i tre imputati che hanno scelto il rito abbreviato: l’ex caporale 42enne Andrea Antico, uno dei tre commilitoni accusati di omicidio volontario aggravato. Originario di Casarano (in provincia di Lecce), è consigliere comunale in un piccolo comune del Riminese ed è ancora in servizio nell’esercito; l’ex comandante della Folgore Enrico Celentano e l’allora aiutante maggiore Salvatore Romondia che sono entrambi accusati di favoreggiamento. Dall’altra parte, la decisione riguarda il rinvio a giudizio per gli altri due ex caporali imputati per omicidio che hanno scelto il rito ordinario: il 42enne Alessandro Panella – che quando è stato arrestato aveva già fatto un biglietto di sola andata Roma-Chicago – e Luigi Zabara che è anche l’autore del libro Coscienza di piombo, nel quale viene affrontato il tema del rimorso. «I protagonisti commetteranno degli errori irreversibili. Come si può continuare a vivere la propria vita in maniera normale – si chiede l’autore – dopo aver commesso il più tremendo degli sbagli?». 

«A prescindere da come andrà la sentenza, adesso è chiaro a tutti che Emanuele è stato ammazzato e noi porteremo sempre con noi una certezza – afferma Garozzo – siamo i giusti che lottano per un mondo giusto fatto di valori e principi». Quello per cui oggi si attende una prima sentenza è un processo a cui si arriva a più di vent’anni dalla morte del paracadutista in servizio di leva. È il settembre del 2017 quando la procura di Pisa riapre le indagini dopo la relazione della commissione parlamentare d’inchiesta nata per fare luce sul caso. La procura generale militare della corte d’appello di Roma chiede all’autorità giudiziaria di Pisa il trasferimento dell’indagine. Per un periodo i due procedimenti vanno avanti parallelamente, poi è la Corte di Cassazione a risolvere il conflitto di giurisdizione a favore del tribunale ordinario. Questo perché il nonnismo non è solo un fatto militare, anche se gli atti avvengono all’interno di una caserma. Inoltre, tra gli ex caporali e la vittima non c’era «nessun rapporto gerarchico-disciplinare». Inoltre, al momento dei fatti gli autori non erano in servizio e non indossavano nemmeno la divisa, anche Scieri era in abiti civili perché si trovava in libera uscita.

Secondo la ricostruzione della procura militare, i tre incontrano Scieri mentre
stava per fare una telefonata con il suo cellulare, poco prima di rientrare in camerata. Per punizione e «abusando della loro autorità», lo costringono a «effettuare subito numerose flessioni sulle braccia». Nell’avviso di conclusione delle indagini si legge che «mentre eseguiva le flessioni, lo colpivano con pugni sulla schiena e gli comprimevano le dita delle mani con gli anfibi, per poi costringerlo ad arrampicarsi sulla scala di sicurezza della torre di prosciugamento dei paracadute, dalla parte esterna, con le scarpe slacciate e con la sola forza delle braccia». Sulle scale, Scieri sarebbe stato seguito dal caporale Panella che, per fargli perdere la presa, «lo percuoteva dall’interno della scala e, mentre il commilitone cercava di poggiare il piede su uno degli anelli di salita, gli sferrava violentemente un colpo al dorso del piede sinistro; così Scieri perdeva la presa e precipitava al suolo da un’altezza non inferiore a cinque metri, riportando lesioni gravissime». Dopo la caduta Scieri sarebbe stato lasciato a terra agonizzante. Solo tre giorni dopo, il suo cadavere verrà ritrovato in una posizione anomala.

Leggi il dossier di MeridioNews sul caso di Lele Scieri


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]