Scienze politiche come una cattedrale?

No, non vi trovate al vaticano. Se per un attimo, passando per scienze politiche i dubbi cominciassero ad assalirvi, non abbiate paura; non siete in alcun luogo sacro. Semplicemente il più papabile tra gli aspiranti rettori, il preside di scienze politiche Vecchio, ha scambiato la facoltà per la basilica di San Pietro.

Girando per l’intero edificio, la differenza con le altre facoltà è nettissima. Pochissime ragazze con la gonna, quelle poche portano longuette alle caviglie. Di ragazzi in pantaloncini nemmeno l’ombra. Eppure la temperatura supera abbondantemente i 30°. Le voci di corridoio che si sono sparse, grazie al solito passa parola, per tutto l’ateneo risultano quindi essere veritiere. A tutti coloro i quali volessero andare a trovare un amico o la fidanzata che si trovano (fortunatamente o disgraziatamente) iscritti a scienze politiche, consiglio vivamente da fare attenzione all’abbigliamento. Se per disgrazia vi trovaste in pantaloncini, sareste costretti a tornare a casa e cambiarvi. Alla faccia della libertà.

Da qualche settimana, infatti, la facoltà di scienze politiche di Catania, ha attuato il piano “no-shorts”. Una circolare che dapprima tutelava esclusivamente l’aula magna è stata estesa all’intero edificio di via Vittorio Emanuele. Il divieto è ufficioso, nulla di scritto. Il preside Vecchio ha dato disposizione ai vigilantes di impedire l’accesso in facoltà agli studenti che si presentano in pantaloncini, bermuda o minigonna. Come inizio di stagione non c’è male. Si comincerà dalle gonne e dai pantaloncini, per poi arrivare al divieto di orecchini e tatuaggi? La prossima mossa sarà probabilmente l’applicazione del burka alle donne che si presenteranno nell’edificio maniche-sprovviste. L’eccessiva visione di carne, si sa, abbinata all’elevata calura estiva, potrebbe nuocere gravemente alla salute

In segreteria di presidenza è uno scarica barile. Nessuno ha il documento scritto. Tutti parlano di direttive non scritte da parte del preside; i vigilantes ammettono di avere avuto disposizioni di non fare entrare né gli studenti, né i docenti (certo vedere qualche sex bomb in pantaloncini….) né gli amministrativi, qualora indossassero dei bermuda troppo succinti.

La maggior parte degli studenti sembra essersi adattata bene al “nuovo ordinamento”. Alcuni però in silenzio si sentono limitati della loro libertà. Andrea ventuno anni studente di secondo anno ci dice: “Onestamente, con il caldo che fa, avrei preferito essere libero di vestirmi. Questo nuovo regolamento interno è una rottura. Ma qui siamo un po’ degli inetti. Accettiamo passivamente quello che ci viene dettato dall’alto”.

I dubbi assalgono un comune redattore. Le domande si fanno insistenti nella mia mente: qualora il preside Vecchio dovesse salire al sommo pontificio, ops, al rettorato, dovremmo forse aspettarci un estensione del regolamento a tutte le facoltà dell’ateneo? Saremo costretti ad assistere a scene da film comico, con bidelli metro-muniti chini a misurare la lunghezza “regolamentare” delle gonne? Ai posteri l’ardua sentenza… e che il caldo ce la mandi buona!


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]