Sciacca, trasformare vecchia ferrovia in pista ciclabile Gli ideatori: «Alternativa contro i pericoli della statale»

Da un lato una ferrovia chiusa da trent’anni che non serve più a nulla, dall’altro il sogno di due professionisti siciliani che hanno deciso di puntare sulla mobilità sostenibile. Nasce così la campagna online #Sciaccapedala, ideata dagli ingegneri Mario Di Giovanna e Mario Tulone con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla possibilità di convertire alcuni tratti della vecchia linea a scartamento ridotto Castelvetrano-Porto Empedocle in una moderna green-way.

Partecipare all’iniziativa è facile: basta raggiungere i binari della vecchia ferrovia con la propria bicicletta e scattare una foto. «Il nostro obiettivo – spiega Tulone – è quello di mostrare quanta voglia hanno i siciliani di andare in bici. Per i ciclisti occorre creare un’alternativa alla pericolosa strada statale e in tal senso il tracciato ferroviario ha tutti i requisiti per ospitare le biciclette. Realizzare una pista ciclabile che costeggia i siti archeologici, da Selinunte alla Valle dei Templi di Agrigento, è un vanto che in pochi potrebbero avere».

Tuttavia, c’è un ostacolo da superare. «Le Ferrovie dello Stato – precisa Tulone – hanno deciso di mettere in vendita alcuni lotti della linea. Cedere i terreni ai privati significherebbe quasi mettere una pietra tombale sul progetto che prevede la realizzazione di una pista ciclabile. Proprio per questo abbiamo chiamato a raccolta la cittadinanza che finora ha risposto molto bene. In futuro pensiamo di avviare una petizione online».

Il progetto prevede la riconversione in greenway dei venti chilometri che collegano Sciacca con Ribera. «Abbiamo rispolverato un progetto del 2009 – spiega Di Giovanna -. In quell’occasione l’associazione L’Altra Sciacca e la sezione locale diItalia Nostra collaborarono con i Comuni di Sciacca, Ribera e Menfi per presentare un progetto e aderire al bando green-way. L’Unione europea ha considerato strategico il nostro territorio e la Regione ha avviato un piano di mobilità al cui interno erano previste centinaia di piste ciclabili in varie zone dell’Isola».

Ma i soliti intoppi burocratici hanno mandato tutto in fumo. «I fondi erano stati trovati – spiega Di Giovanna -, ma per un incredibile errore di attribuzione dei punteggi in graduatoria, alcuni progetti meritevoli sono stati messi in fondo. Un ricorso al Tar ha preceduto la stesura di un nuovo elenco, ma la situazione si è ingarbugliata e alla fine si sono persi 17 milioni di euro di finanziamenti europei. Solo il Comune di Menfi è andato avanti autonomamente realizzando una pista ciclabile al posto della linea. Dobbiamo seguire questo esempio».

«Crediamo molto in questo progetto – continua Di Giovanna – anche perché la pista ciclabile potrebbe fungere da vera e propria metropolitana. Abbiamo calcolato che pedalando a una velocità di dieci chilometri orari si potrebbe raggiungere con facilità il centro storico di Sciacca da diverse zone periferiche. Il costo è stato stimato in sei milioni di euro, ma con opportune modifiche si può ridurre almeno del 30 per cento. Attualmente non ci sono fondi disponibili, ma nella nuova programmazione comunitaria sono previste misure specifiche. La ciclabile, infatti, ha una valenza strategica in quanto – conclude – rientra in Eurovelo, la rete ciclistica europea composta da 15 percorsi che attraversano ben 42 Paesi».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]