Scacco alla mafia nigeriana, nel mirino gang dei Vikings Fermati capi e picchiatori tra il Cara di Mineo e Catania

Escono alla spicciolata scortati dai poliziotti in borghese. Lo sguardo perso nel vuoto e i volti segnati dall’assenza di sonno. Pochi secondi per entrare, uno alla volta, nelle macchine della polizia. Nessuna sirena e niente clamore per annunciare il trasferimento in carcere. Il resto della storia la scriverà un giudice consultando un provvedimento di poche pagine. Sintesi di un’informativa ben più corposa, frutto di un complesso lavoro durato mesi. Quelle persone, tutte nigeriane, secondo quanto MeridioNews è in grado di svelare in esclusiva sono accusate di fare parte di un culto mafioso africano, attivo tra il Centro d’accoglienza per richiedenti asilo di Mineo e Catania. Quasi venti persone fermate due notti fa e i cui nomi, almeno per il momento, vengono tenuti sotto il più stretto riserbo. In mezzo c’è la presunta affiliazione alla gang dei Vikings. Gruppo criminale transnazionale nato in ambito universitario e in parte convertito al mondo della criminalità. Ispirandosi, con i colori rossoneri, alla mitologia nordica del dio Odino e della moglie Frigg. Simboli di un culto che ha una regola chiara e inquietante: «Non ritirarsi mai prima della morte».

Dietro le sbarre non sono finiti soltanto i capi, conosciuti con l’appellativo di don, ma anche corrieri della droga – tra cui alcune donne – e picchiatori. Un insieme variegato, emerso tra pedinamenti e intercettazioni ambientali e telefoniche. La novità per la Sicilia orientale è il tipo di reato che viene contestato. Ovvero quello di fare parte di un’associazione a delinquere di stampo mafioso che si sarebbe avvalsa degli stessi metodi di assoggettamento di Cosa nostra siciliana. Praticamente un nuovo capitolo di quanto già venuto fuori a Palermo, con il quartiere popolare Ballarò che si era trasformato in una piccola roccaforte della confraternita dei Black Axe, le asce nere. Decisivo, sul fronte che ha riguardato il capoluogo siciliano, sono state le dichiarazioni di Austine Ewosa – da tutti conosciuto come Johnbull, presto ribattezzato il Buscetta nigeriano. Il copione nell’inchiesta etnea sarebbe grosso modo lo stesso: organizzazione verticistica e affari legati principalmente a droga e prostituzione. In mezzo un mondo mistico in cui si mischiano credenze popolari e riti. Come quello che da decenni trasforma migliaia di donne in schiave dell’industria del sesso perché vincolate da un giuramento in cui si mangiano cuori di galline o ci si fa segnare la pelle con un rasoio.

Tutto condito da un’elevata dose di violenza. Perché, a differenza di cosche e famiglie mafiose siciliane, le gang della Cosa nera sembrano essere poco inclini alla strategia dell’insabbiamento. Meglio risolvere le contese sfoderando pesanti maceti, alcuni dei quali sequestrati la notte scorsa. Negli ultimi mesi del 2018, come MeridioNews ha raccontato in un lungo approfondimento pubblicato nei giorni scorsi, sono stati almeno due i fatti di sangue registrati al Cara di Mineo e finiti sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori. Liti con numerose persone coinvolte e con i feriti costretti alle cure dei medici dell’ospedale Gravina di Caltagirone. Uno di loro, per esempio, è stato arrestato e per entrare nei locali della polizia è sceso dalla macchina con un paio di stampelle


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]