Foto di Luca Sammartino su Facebook

I carabinieri alla ricerca delle microspie nelle stanze di Sammartino: «Non c’è niente». E, invece, c’erano

Ci sono un politico, un appuntato dei carabinieri e un luogotenente in pensione. Non è una storia che fa ridere, ma è quella che ha portato alla sospensione del vicepresidente della Regione Siciliana Luca Sammartino con l’accusa di corruzione nell’indagine Pandora. Re delle preferenze delle Regionali del 2017, imputato in due processi per corruzione elettorale e rieletto deputato all’Ars nel settembre del 2022, Sammartino avrebbe provato a eludere le indagini a suo carico. Tentativo messo in atto con la bonifica della sua segreteria politica dalle microspie. Un compito che – dietro un compenso di 400 euro che sarebbero stati consegnati in due tranches – viene affidato ad Antonio Battiato, appuntato dei carabinieri in servizio alla sezione di polizia giudiziaria della procura etnea. A fare da tramite sarebbe stato il luogotenente in congedo Antonino Cunsolo. I due militari (adesso finiti entrambi indagati) mettono a soqquadro la stanza diverse volte ma non trovano mai nulla. Se non la collezione di trottole del deputato e qualche macchia di umidità. Le microspie, però, c’erano. E hanno continuato a registrare.

Il primo incontro intercettato tra Sammartino e Cunsolo nell’ufficio della segreteria politica è del 26 luglio del 2019. La vicenda dell’anziana «inabile alla firma» che avrebbe votato per le Regionali del 2017 nel seggio della casa di riposo di Sant’Agata Li Battiati sta per chiudersi (è poi stata archiviata), quando il deputato sembra intenzionato a presentare una denuncia. A dissuaderlo, però, ci pensa il carabiniere. Lo stesso che si sarebbe occupato poi di contattare l’ex collega Battiato per chiedergli di cercare le microspie nella stanza dell’onorevole: «Dovremmo fare il solito lavoro», dice Cunsolo ammettendo di chiedere «una cortesia». «Sempre là dentro?», risponde il luogotenente. Una conversazione che lascia intendere che non sarebbe stata la prima volta. È il primo pomeriggio del 25 settembre quando, armato di rilevatore di frequenze, Battiato per più di un’ora controlla le stanze della segreteria politica di Sammartino. «In base all’ambiente non è facile mettere qualcosa», rassicura, mentre insieme a Cunsolo sposta mobili e smonta prese di corrente. «Siamo tranquilli che non c’è niente, no?». «Sì, sì, a posto. Non c’è niente». E, invece, qualcosa c’era. Proprio le microspie che hanno registrato anche questa conversazione.

Ignaro della qualità del lavoro svolto, all’inizio del 2020 Sammartino avrebbe chiesto a Cunsolo informazioni sull’archiviazione di un procedimento penale a proprio carico. Una missione per cui il luogotenente – ormai in congedo e, quindi, senza più la possibilità di accedere al registro informativo – avrebbe incaricato un amico-collega rimasto non identificato, che però avrebbe provato a negarsi. «Io vedevo i cazzi di tutti quanti», mentre ora gli altri si rifiuterebbero di controllare le questioni di suo interesse. Ma nessun problema: «Grazie a dio, i miei canali ce li ho sempre». Tra le resistenze di ex colleghi che gli girano le spalle e le restrizioni all’accesso ai registri informatici, Cunsolo sembra perdere le speranze: «Il procedimento – si vede costretto ad ammettere – non si può vedere assolutamente». Poi, però, qualcosa riuscirà comunque a vedere per soddisfare la richiesta del deputato.

Sempre in coppia con l’appuntato Battiato, intanto, Cunsolo conferma la propria disponibilità a bonificare di nuovo. Questa volta non solo la segreteria politica ma anche la casa di Sammartino. Il 12 febbraio del 2020 ricominciano le ricerche delle microspie. Ancora una volta i due militari non trovano niente, se non qualche traccia di umidità sui muri. Eppure, anche questa volta, non c’è dubbio: i dispositivi ci sono e, a pochi giorni dall’inizio del lockdown per il Covid-19, registrano anche un «Ti voglio bene», di Sammartino al carabiniere che rivedrà poi, ancora in occasione di altre bonifiche senza risultati. Almeno non per loro.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]