Salvatore Tafuri, un bartender palermitano a New York «Nel paese della meritocrazia ho realizzato il mio sogno»

«A pieri in tierra, in tiesta ‘a guerra», dice Alessio Bondì nella sua Vucciria. Forse è la formula che riassume la condizione del palermitano che, resosi conto di scorazzare troppo veloce e dinamico per una città bella e ispiratrice, ma dai ritmi ancora assai compiaciuti e blandi, decide di progettare altrove. Salvatore Tafuri, bartender internazionale, ha la testa a New York e il cuore a Palermo. «È l’unico posto al mondo che definisco casa, anche se ho viaggiato molto sin da bambino e, adesso, non torno nella mia città da due anni. Palermo è cambiata: ogni volta che la visito, trovo una mentalità sempre più aperta». 

Tutto inizia al Victory Morgana Bay di Sanremo, dove lavora come barback: porta ghiaccio, insomma. È li che incontra Kazarae e la segue, per amore, nella Grande Mela. Trova lavoro grazie a un sito web e, dopo che Andrea De Leonardis, general manager del Caffè Falai, si imbatte nel suo curriculum, la sua vita cambia. La stampa newyorkese inizia a seguirlo e Salvo non la smette di vincere contest. Come quello che si è appena concluso e che lo ha visto piazzarsi secondo ai Bar Awards nella categoria Miglior bartender italiano all’estero. È a New York ormai da cinque anni e attualmente lavora al bar del The Standard Hotel. Ecco come una passione può diventare un lavoro, e non solo. «Un barman è un artista: riuscire a soddisfare i clienti miscelando spezie e liquori è indubbiamente arte». Un settore in continuo divenire, quello di Tafuri, dove drink e food intrecciano relazioni sempre più osmotiche, e ciò fa del bartender un cuoco, un erborista e persino un medico. «Stiamo assistendo a un’evoluzione incredibile, nell’ambito della quale serve ogni tipo di conoscenza. A forza di studiare i clienti si diventa anche psicologi». 

Per un italiano che ha talento e voglia di fare, vedere le porte dell’America schiudersi sarà fantastico, ma come è percepito il nostro Paese da quella prospettiva? «Lo stivale appare in tutta la sua bellezza, tuttavia continua a non esserci molta considerazione da un punto di vista politico». Nonostante le sortite tennistiche di Renzi, si potrebbe aggiungere. Salvo Tafuri è un mixologist: «Una sorta di chef, che abbina l’esperienza dietro al bancone alla maestria nella miscela dei cocktail, per creare sempre nuove ricette». Tra il jazz, la gente della notte e tanta, tanta umiltà, il barman shakera le sue giornate con ritmi al cardiopalmo. «In una città come questa, non c’è alcuna differenza – spiega – tra un sabato e un lunedì: le persone, poi, mangiano e bevono in qualsiasi momento del giorno e della notte: ecco perché il mio lavoro può diventare stressante. Per fortuna ci sono l’espresso e la passione. E una bella birra fredda alla fine del mio turno da dieci ore».

Se si chiedono a Salvo le differenze tra Italia e Usa, in quanto a metodo di lavoro e possibilità di carriera, la risposta sarà racchiusa in una sola parola: meritocrazia. Pizza, mandolino e raccomandazioni, dunque, sono gli ingredienti di un drink a base di emigrazione, dove non conta se all’inizio, come nel caso di Tafuri, «fai caffè e cappuccini e non sai la lingua», bensì emergono una considerazione del lavoratore e una fiducia nelle sue potenzialità che annaffiano le ambizioni di chi vuole riuscire. Tra successi e sacrifici, il palermitano si sente privilegiato anche sotto un altro punto di vista: «La differenza con l’Europa è che qui la gente mangia e beve al bancone: ciò crea un rapporto unico con il cliente, di stima e amicizia». Il sogno americano di Salvo continua, e chissà che non si avveri anche l’altro: aprire il proprio bar. In Italia?


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]