Caos all’Ars, Fratelli d’Italia vuole il salva inelegibili: salta la discussione sulle province. Aula rinviata

Il governo regionale era lì, a un passo dal traguardo, stava per segnare un punto decisivo: una volta partita la discussione in Aula della riforma che sancisce il ritorno delle province sarebbe mancato solo il voto e uno dei baluardi della campagna elettorale sarebbe stato portato a casa con successo. Tutto era scritto: discussione oggi, voto domani. E se Roma impugna la norma, pazienza, l’importante è averla portata a casa e promessa mantenuta. E invece no. Al proverbiale ultimo centimetro la maggioranza – che continua a raccontarsi come coesa – inciampa e cade su una delle ormai consuete crepe al suo interno ed è subito bagarre, Aula sospesa e discussione rinviata.

E succede in modo plateale, con i deputati di Fratelli d’Italia che abbandonano i propri scranni in segno di protesta. E loro sono il gruppo più folto dell’Assemblea. Il perché è presto detto: i meloniani spingevano perché alla discussione sulle province, che si prevedeva lunga e impegnativa, si anteponesse nell’ordine del giorno il disegno di legge salva-ineleggibili, quello che consentirebbe a quattro deputati accusati di ineleggibilità – di cui tre di Fratelli d’Italia e uno di Sud chiama Nord – di evitare di attendere la rispettiva sentenza dopo il ricorso presentato e rimanere al loro posto in sala d’Ercole. La richiesta di inversione dell’ordine dei lavori è arrivata dal FdI Carlo Auteri, ma l’Aula ha detto di no. Una bocciatura indigesta per i patrioti, che hanno lasciato i lavori.

Tra gli accusati di ineleggibilità in attesa dell’esito del ricorso spicca il nome del presidente della commissione Bilancio Dario Daidone, che ha giocato un ruolo fondamentale nell’approvazione dell’ultima Finanziaria della Regione ed è stato accusato dal primo dei non eletti tra le fila di FdI, Carmelo Nicotra, di essere ancora membro del Cda di Irfis, una partecipata della Regione, al momento della candidatura. Destino simile per Giuseppe e Nicola Catania, sempre FdI e per Davide Maria Vasta, deputato di Sud chiama Nord. Sono mesi che si tenta di fare entrare una norma per regolarizzare la loro posizione, tramite emendamenti, cavilli, persino con un ordinamentale inserito nel collegato alla manovra finanziaria dello scorso anno. Alla fine si era scelto di procedere con ordine, con apposito disegno. Ma la strada sembra ancora tutta in salita e non si sa se domani si ripresenterà lo stesso problema o se nella notte si riuscirà a trovare un punto di mediazione. Certo è che di questa norma ormai parla tutta l’Italia. E spesso non bene.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]