Roccalumera, crowdfunding per la prima Rugby jam Pure Roy Paci e i Tinturia sostengono la campagna

«Un rugbysta non muore, al massimo passa il pallone». Una scritta bianca apparsa su una ringhiera del lungomare di Roccalumera e una dedica: a PP. Pippo Peppe, il modo in cui tutti gli amici chiamavano Giuseppe Mastroeni, ingegnere informatico, musicista e rugbysta della squadra dei Briganti di Librino, un quartiere alla periferia Sud di Catania. Quando Peppe se n’è andato, dopo una malattia, la chiesa di Roccalumera – il paese dove è nato e cresciuto – era gremita. La folla riempiva una piazza e la strada. «Guarda cosa ha lasciato», dicevano in molti. Adesso sono gli amici di sempre, con il fratello, a volerlo ricordare attraverso le sue più grandi passioni: lo sport (il rugby) e la musica (il reggae). L’appuntamento con la Rugby jam – Terzo tempo per Pippo Peppe è fissato per il 13 agosto a Roccalumera e per organizzarlo è stata lanciata una raccolta fondi online.

«Non vogliamo ricordarlo in un modo triste, ma in un modo che gli sarebbe piaciuto», dicono gli amici. Così a metà agosto la spiaggia di Rocca ospiterà tre tornei di beach rugby e un concerto di musica dal vivo. Sulla sabbia si sfideranno sei squadre femminili e sei maschili, che potranno iscriversi tramite il sito Rugbyjam.it. Dopo le partite sarà il momento della musica. A partire dall’esibizione di danze popolari dei Canterini della riviera jonica, di cui Peppe ha fatto parte, e da quella degli Uaripat, la band che ha contribuito a fondare e di cui è stato batterista. «Il calendario degli appuntamenti si arricchisce continuamente – spiegano gli organizzatori – Noi ce la stiamo mettendo tutta e il crowdfunding che abbiamo lanciato serve a sostenere le spese e a fare beneficenza».

Oltre a magliette, medaglie e costi legati al palcoscenico e alla musica, la campagna online servirà a mettere da parte un po’ di soldi che serviranno per sostenere due cause: quella dei Briganti rugby di Librino, che stanno lottando per conquistare un prato nuovo per il campo San Teodoro liberato, dove si allenano; e quella dall’associazione Salus D’Agostino, che da sei anni lavora all’interno del reparto di Oncologia medica dell’ospedale san Vincenzo di Taormina, dove Giuseppe è stato ricoverato per un periodo. «L’idea è che questo sia solo il primo di una serie di eventi per Pippo Peppe – dicono gli amici – Abbiamo fatto un primo passo. Lui avrebbe sempre voluto organizzare un torneo di rugby sulla spiaggia ma non ha fatto in tempo, così ci abbiamo pensato noi». Pur vivendo tutti a chilometri di distanza gli uni dagli altri: a Roma, Milano, Lugano, Catania e Roccalumera. Un’organizzazione che è riuscita ad attirare l’interesse anche di Roy Paci e dei Tinturia, che hanno promosso l’evento sui social network.

«Abbiamo scelto il 13 agosto perché sarebbe stato più facile esserci tutti. Più facile per le squadre di rugby che vengono da fuori e che così potranno organizzarsi, e più facile per gli amici volati anche per lavoro in altre parti d’Italia, che così potranno partecipare». Ma il numero che campeggia nel logo dell’iniziativa non è il 13, bensì il 23. Il numero della maglia rossa di Pippo Peppe quando scendeva in campo con i Briganti di Librino. E che adesso non potrà più essere indossata. «In suo ricordo, abbiamo deciso di ritirare la sua maglia, il 23 – spiega Angelo Scrofani, capitano della squadra e amico di Giuseppe – Per noi Briganti questo evento sarà un modo per ricordare e festeggiare Peppe e credo che sarà una megafesta non per Peppe ma con Peppe».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]