Riforma porti, in Sicilia restano due autorità Messina con Calabria, la più grande d’Italia

Il governo Renzi rivoluziona la mappa delle autorità portuali e cambia volto anche la situazione in Sicilia. Ieri il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto di «riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle autorità portuali», presentato dalla ministra per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, Marianna Madia. Quindici le autorità di sistema portuale rispetto alle 24 esistenti prima del decreto. In Sicilia ne rimangono due: quella occidentale e quella orientale. La prima vedrà Palermo capofila con accorpati i porti di Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle, mentre la seconda vedrà insieme le autorità di Catania e Augusta e la sede dell’autorità di sistema portuale sarà Augusta (non Catania come erroneamente indicato dal primo comunicato del ministero dei Trasporti, successivamente correto). I porti di Messina, Milazzo e Tremestieri trovano posto all’interno della nuova autorità portuale dello Stretto insieme ai porti di Gioia Tauro, Reggio Calabria, Villa San Giovanni, Crotone, Corigliano Calabro, Taureana di Palmi e Vibo Valentia. Quest’ultima è la più grande tra le nuove authority in Italia e avrà la sua sede a Gioia Tauro.

In attesa di sciogliere il nodo riguardante la poltrona delle presidenze, bisogna cominciare a lavorare pensando a un’unica realtà portuale con le diverse specialità che ciascun porto presenta. È la convinzione dell’attuale commissario del porto di Augusta, Alberto Cozzo: «La scelta della sede della governance non è un problema – spiega -. In questi mesi ho il sospetto che si sia pensato più alla scelta dei presidenti che alla riforma. Anche perché il senso di questo provvedimento del governo è quello di ottimizzare le risorse. Se una nave deve attraccare ad Augusta perché qui i fondali sono di 22 metri, lo continuerà a fare nonostante la sede dell’autorità sia a Catania». 

Anche il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, il messinese Giovanni Ardizzone, dice di guardare oltre le poltrone: «L’accorpamento di sette scali calabresi con Messina e Milazzo è un ottimo risultato. La creazione dell’autorità portuale dello Stretto, la più grande del Sud Italia, rappresenta un traguardo insperato. Non aveva senso restare tagliati fuori da questo circuito per la sola ambizione, molto localistica, di continuare a fare da capofila per poter esprimerne la presidenza. Il sistema Sicilia, con Augusta, Catania, Siracusa e Messina – prosegue Ardizzone – non avrebbe portato nessun vantaggio, né nuova ricchezza allo Stretto. Era sbagliato, quindi, fare un discorso di poltrone o di sede». Il presidente dell’Ars auspica adesso che «la nuova authority diventi la più competitiva del Mediterraneo, il vero porto del Sud Europa». La più grande autorità portuale di Italia consentirà alle due sponde dello Stretto di dialogare e portare avanti un percorso di rimodulazione dei trasporti a livello nazionale. Basti ricordare che la nuova authority gestirà il maggior traffico crocieristico e quello di trasporto merci su container

Il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, alza l’asticella: «La sfida è il confronto con le grandi potenze portuali del mondo, il Nord Europa, il Nord Africa, il Pireo, il Far East. Queste innovazioni servono a rendere concreta quella cura dell’acqua che abbiamo avviato e a valorizzare il Sistema Mare, che è uno dei nostri principali asset economici, attraverso il quale transita il 70 per cento delle merci italiane». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]