Riforma Moratti: la risposta della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

martedi 12 ottobre, alle ore 18, presso l’Auditorium del monastero dei Benedettini, si è svolto un consiglio di facoltà aperto al pubblico, nel quale, sono stati discussi i gravosi problemi legati alla riforma universitaria del Ministro Moratti.

   Il consiglio ha visto la presenza anche di professori e studenti di altre facoltà.

   Il preside Antonio Pioletti, ha iniziato subito il consiglio con un discorso che ha visto scricchiolare il DDL che dovrebbe essere approvato. “Se questa legge verrà approvata – ha affermato Pioletti – si andrà avanti senza discutere; non si avrà dialogo con le università. Si aggiungeranno disastri su disastri e, cosa ancor più grave, sarà data una delega al Ministro per decidere questioni di non secondaria importanza”.

 

Il nuovo DDL è stato contestato su quattro punti chiave e della massima importanza:

1 – la restrizione delle risorse finanziarie per la ricerca e la formazione, la previsione di provvedimenti fatti a costi zero per lo Stato e a costi salati per i singoli Atenei;

2 – la previsione di uno stato giuridico per i docenti, per i ricercatori e i giovani studiosi in formazione, fondato sulla generalizzazione di rapporti di lavoro precario;

3 – la imposizione di una revisione dei nuovi ordinamenti didattici senza che si sia avviato un bilancio approfondito della loro fase di avvio;

4 – l’assenza di una vera politica del diritto allo studio che si risolve ormai in una strisciante politica del numero chiuso.

 

   La restrizione finanziaria è ormai una vecchia conoscenza, ma la riqualificazione dei ricercatori è davvero una novità, in tutti i sensi. Si prevede, difatti, che il ruolo dei ricercatori sarà messo ad esaurimento e che si creerà un fascia così chiamata dei “professori aggiunti”, ovvero professori tenuti a forme di tutorato e attività integrative.

   Inoltre, sarà abolita la distinzione tra “tempo pieno” e “tempo definito”. Sarà data a tutti i professori una forma di tempo definito, con la possibilità di svolgere altre attività con lo stesso stipendio. Stipendio, peraltro, che sarà ottenuto decurtando le supplenze. La riforma quindi per molti versi sarà a costo zero.

  La ricerca, secondo quanto detto ancora dal preside, non è citata neanche nel disegno della legge delega, nonostante tutti pensiamo di allargare la scelta formativa.

  Ciò che ancora preoccupa è il tentativo di rivedere gli ordinamenti didattici, con la conseguenza di avere due, tre, quattro ordinamenti diversi.

   Da tutti questi punti si evince la totale carenza di una politica seria del diritto allo studio, con le già palesi lacune. Nelle università italiane gli studenti dovrebbero poter studiare in gruppi limitati e tutorati, ma tutto ciò non esiste e il numero chiuso proposto dalla Moratti non è fattibile.

 

  Alla fine del consiglio, è stato stilato un documento di mozione “per una mobilitazione contro i provvedimenti governativi dell’Università”, che ha visto includere le richieste qui sotto riportate:

 

1-     il DDL sullo stato giuridico va ritirato per aprire un’ampia fase di consultazione con il mondo accademico e le forze sociali;

2-     va mantenuto il ruolo dei ricercatori riconoscendo ad essi la funzione docente e prevedendo 20.000 nuovi posti;

3-     va mantenuta la distinzione fra tempo pieno e tempo definito;

4-     vanno previste verifiche di progressione di carriera trasparenti eliminando ogni blocco delle assunzioni di docenti e personale.

5-     il 3% del PIL va destinato alla formazione e alla ricerca;

6-     occorre aprire una politica di vero allo studio con massicci investimenti per l’edilizia universitaria, case e mense per gli studenti, laboratori e forme di tutorato.

 

Infine, se tali proposte continueranno ad essere ignorate dal Ministro Moratti, la facoltà decide il blocco di ogni attività didattica dall’8 al 13 novembre aderendo alla settimana nazionale di mobilitazione indetta dalle Organizzazioni sindacali di categoria.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]