Rifiuti, ora è ufficiale: la discarica di Sicula si è saturata Se Regione non trova alternativa sarà nuova emergenza

Dopo quarant’anni, da oggi nella discarica di Sicula Trasporti non sarà depositato neanche un chilo di spazzatura. Cinque mesi dopo le prime avvisaglie sulla riduzione degli abbancamenti l’ufficialità della saturazione del sito di Grotte San Giorgio è arrivata con una nota che la società, da oltre un anno sotto amministrazione giudiziaria in seguito all’inchiesta Mazzetta Sicula, ha inviato ai Comuni dell’isola. «A seguito della videoconferenza tenutasi in data odierna (mercoledì, ndr), la scrivente, considerato il mancato aumento della disponibilità da parte delle discariche presenti sul territorio siciliano alla ricezione dei rifiuti decadenti dalla lavorazione del rifiuto indifferenziato conferito dai Comuni per i quali il competente dipartimento ha individuato la Sicula come impianto di destinazione, si vede costretta a ridurre i quantitativi giornalieri in ingresso», si legge nella nota.

A varcare i cancelli di contrada Codavolpe, dove si trova l’impianto di trattamento meccanico-biologico, sanno non più di 600 tonnellate al giorno. Cioè la quantità di rifiuto che, dopo essere passata dal Tmb, sarà spedita nelle tre discariche dell’isola che hanno risposto all’appello della Regione per andare incontro alle esigenze dell’isola: Catanzaro Costruzioni, Oikos e Gela. Le prime due private, la terza pubblica e al centro nei mesi scorsi di una polemica per l’autorizzazione ad aumentare i conferimenti giornalieri. Ognuna delle discariche, già da inizio estate, ha fissato in duecento tonnellate giornaliere il limite massimo. Una soglia non trattabile che negli ultimi mesi aveva portato Sicula Trasporti ad accettare in ingresso circa 1400 tonnellate, spedendo i cosiddetti sovvalli negli altri siti e abbancando la rimanenza – dopo il trattamento quantificata in altrettante 600 tonnellate – di sottovaglio biostabilizzate nella discarica di proprietà. Adesso quello spazio non c’è più e la conseguenza è stata quella di annunciare il dimezzamento del conferimento. 

Al momento non è chiaro quanto questo epilogo fosse previsto dalla Regione. Ciò che è certo è che, nei mesi scorsi, dal dipartimento regionale Rifiuti erano arrivate rassicurazioni circa la possibilità di riuscire ad avere un anno di tempo di autonomia per trovare un’alternativa valida, in attesa di quel potenziamento dell’impiantistica pubblica che resta il principale tallone d’Achille del sistema. Alternativa che, inevitabilmente, passerebbe dalla spedizione all’estero dei rifiuti. Finora però il governo Musumeci – e a cascata anche gli enti che sul territorio sono deputati a pianificare la gestione, ovvero le Srr – hanno cercato di escludere questa possibilità, reputata eccessivamente onerosa per le casse dei Comuni, a cui spetta il finanziamento, tramite la Tari pagata dai cittadini, del servizio di raccolta e conferimento della spazzatura. A dire il vero, ad aprile, tanto la Regione quanto le Srr si sono mosse per cercare di sondare il terreno indicendo una manifestazione d’interesse, ma a cui, una volta raccolte le disponibilità, non è seguito alcun altro passaggio. A partire dalle gare a evidenza pubblica che dovrebbero precedere l’affidamento del servizio

Dai prossimi giorni, invece, si saprà quanto questa ulteriore stretta inciderà sulla pulizia delle città. Stando a quanto annunciato da Sicula Trasporti, infatti, superate le 600 tonnellate, gli autocompattatori saranno costretti a tornare indietro. Sulla carta sui tavoli della Regione ci sarebbe ancora una richiesta di autorizzazione a un maxi-ampliamento della discarica per un volume di quattro milioni di metri cubi. Il condizionale però è d’obbligo: la valutazione degli impatti ambientali ha messo in luce una lunga serie di criticità nel progetto. Teoricamente tutto potrebbe rientrare nel momento in cui Sicula Trasporti correggesse il tiro venendo incontro alle richieste della Regione, ma – stando alle voci che circolano – tale scenario non è di là da venire. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]