Ricordando Fava, la figlia: “A Catania c’è ancora omertà”

Un libro e un DVD. Il primo è un volume di quasi quattrocento pagine che mette insieme inchieste e bellissime foto. Con una copertina che, da sola, racconta la storia di una vita. Il secondo è uno strumento multimediale che mette a disposizione di chiunque un prezioso patrimonio di memoria. A venticinque anni dalla morte di Pippo Fava, assassinato dalla mafia il 5 gennaio del 1984, la Fondazione che porta il nome del giornalista pubblica due prodotti editoriali e presenta un calendario legato ad un premio nazionale che quest’anno andrà allo scrittore Carlo Lucarelli. Ieri mattina al teatro Brancati c’era Elena Fava a presentare la ristampa di “Processo alla Sicilia”, e il dischetto contenente tutti i numeri della storica rivista “I Siciliani” in digitale. Obiettivo: ricordare che Fava amava raccontare la verità senza pudori, e non solo attraverso i giornali.

La figlia Elena non dice mai “mio padre”, ma parla di Giuseppe Fava, citandolo per nome cognome, come si conviene ad una persona che ha lasciato un segno nella storia di una terra e nella memoria collettiva. “Fava ci ha lasciato i suoi scritti, il concetto di giornalismo etico e di come la verità deve essere raccontata. Altri giornalisti sono stati uccisi dalla mafia. Ma Giuseppe Fava era il direttore di una rivista che lui stesso aveva fondato; non aveva nessuno alle spalle e fu l’unico a parlare delle collusioni tra la mafia e certe famiglie imprenditoriali di questa città”. Nella parole di Elena, che ieri ha parlato a lungo con i giornalisti, c’è ancora amarezza. Eppure nel 1998 si è concluso il processo “Orsa Maggiore 3” dove per l’omicidio di Fava, tra gli altri, venne condannato all’ergastolo il boss mafioso Nitto Santapaola, ritenuto il mandante. Un punto fermo in questo quarto di secolo. Ma non basta. “Nei primi anni dopo l’omicidio Fava si negava ancora che la mafia esistesse, si diceva che si trattava solo di comune delinquenza e che la mafia stava a Palermo. Abbiamo dovuto lottare contro questo movimento di silenzio a Catania. E in questa città c’è ancora omertà”. Il 5 gennaio, dunque, non può ridursi ad un pubblico necrologio. La famiglia e la Fondazione Fava – quest’ultima continua a sopravvivere con i propri mezzi, senza contributi della Regione Sicilia- credono che la battaglia più importante non sia mai terminata. Anzi. “Ci piacerebbe un movimento diverso a Catania, soprattutto una stampa diversa, una voglia di verità. Personalmente non credo che la stampa locale catanese sia libera”. Per la signora Elena rimane un ultimo rimpianto: attendere ancora che “L’ultima violenza” di Fava, l’opera teatrale ambientata in un’aula di tribunale che non viene rappresentata da 24 anni, torni sul palcoscenico.

Il programma del Premio (ma ne esiste uno parallelo a Palazzolo Acreide, città natale del giornalista) prevede per stasera alle 20, 30, sempre al teatro Brancati di via Sabotino 4, l’anteprima nazionale della puntata televisiva: “Giuseppe Fava, un uomo”, regia di Silvia Bacci. A presentarla sarà Giovanni Minoli. Domani è prevista una replica alla stessa ora. Il 5 gennaio l’appuntamento è alla lapide di via Fava, mentre alle ore 18.30, al centro culturale ZO, sarà la volta di “La memoria ritrovata. Giuseppe Fava 25 anni dopo”. Interverranno Claudio Fava, Anna Cànepa, Pino Miceli, Roberto Natale. Per l’occasione sarà consegnato il Premio “G. Fava” a Lucarelli. In serata, nei locali di CittàInsieme in via Siena, si terrà un incontro operativo dei “giornalisti di base” e di tutti i cittadini interessati alla libera informazione, per mettere in rete le esperienze di giornali di quartiere, informazione universitaria e di settimanali gratuiti spontaneamente nati a Catania ed attivi da tempo. Parteciperanno le redazioni de “La Periferica”, “I Cordai”, “Step1”, “uCuntu”, “Casablanca”, “Catania Possibile”, “Girodivite”, “Liberainformazione”. “Vogliamo che tutte queste risposte comincino a interagire fra loro. Abbiamo lavorato moltissimo in questi due anni. Adesso, cominceremo a coordinarci”. Così si legge nel volantino di invito. Il titolo dell’iniziativa? Emblematico: “Non è finita la lotta di Giuseppe Fava: lavori in corso”.

Articolo pubblicato su “Il Giornale di Sicilia” (pag. 20 cronaca di Catania), sabato 3 gennaio 2009


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]