Riaprono i battenti del ‘Master in Comunicazione e linguaggi non verbali’

E’ stato ufficialmente dato il via alla quarta edizione del “Master in Comunicazione e linguaggi non verbali: psicomotricità, musicoterapica e performance” nato dalla valida cooperazione tra il Dipartimento di Filosofia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania e il Teatro Stabile di Catania, a dimostrazione del fatto che sempre di più si afferma e cresce la partnership tra diverse università, in questo caso Venezia e Catania, “i cui rapporti comuni, grazie a questo master, non si limitano a porre attenzione esclusivamente alla formazione individuale, ma contribuiscono ad approfondire la ricerca”.

 

Con questi termini ha esordito Ferdinando Latteri, rettore dell’Università degli Studi di Catania, nel corso della conferenza stampa svoltasi venerdì nella presidenza di Lettere, a cui erano presenti Umberto Margiotta, pro-rettore della Ca’ Foscari, Nicolò Mineo e Roberto Osculati, rispettivamente preside e vicepreside di Lettere, Ivana Padoan, coordinatrice scientifica del master a Venezia, Ezio Donato, coordinatore del master a Catania, Orazio Torrisi, direttore del Teatro Stabile di Catania, l’attore Pippo Pattavina, Luca Di Mauro, presidente del Cus Catania e Santo Li Gresti, assessore alla cultura del Comune di Catania.

 

Questo master propone un’offerta formativa prestigiosa che conferisce ai partecipanti una qualificata preparazione per svolgere professioni di operatori nel campo dell’educazione, della formazione, della terapia, della comunicazione, dello spettacolo, della promozione culturale. Uno degli obiettivi è quello di mettere in relazione cultura, ricerca e professionalità e unire la cultura tradizionale (performance teatrale) ad ambiti nuovi, nati da pochi anni, come la musicoterapia e la psicomotricità. Per questo motivo vengono coinvolti nelle attività didattiche, oltre a docenti universitari e tutor, pedagogisti, coreografi e attori, e vengono stipulate convenzioni con enti locali (a Catania con il Cus e lo Stabile).

 

Nell’edizione attuale il master ha avuto un notevole successo in quanto solo a Catania le richieste sono state un centinaio. Il master è di I livello, annuale, e si rivolge a giovani neolaureati triennali, del vecchio ordinamento, del Conservatorio e dell’Accademia di Belle Arti, per una durata complessiva di 1500 ore suddivise tra lezioni frontali, laboratori, seminari, incontri di approfondimento e stage. E’ a numero chiuso e va da un minimo di 20 partecipanti ad un massimo di 60.

 

Dal prossimo anno si aggiungerà una terza sede nella capitale, grazie alla collaborazione dell’Università di Roma3. Per accedere al corso è necessario effettuare le prescrizioni entro il 15 ottobre 2005.

 

Per ulteriori informazioni e consultare il bando:

www.unive.it

www.univirtual.it/comunicazione


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]