Foto di George Hodan

Sempre più siciliani con la valigia in mano per curarsi. «Con l’autonomia differenziata ancora più disparità»

È un esodo quello delle persone che, dalla Sicilia, partono alla volta di cliniche e ospedali del Nord Italia per curarsi. Sono migranti, ma della salute. E nel 2021, secondo gli ultimi dati, sono tornati a crescere. Non solo nell’Isola ma, come già avvenuto in passato, in tutto il Meridione. La fotografia è infatti la stessa in Calabria e Campania. Il valore della mobilità sanitaria del 2021 in Italia ammonta a poco più di 4 miliardi di euro, in crescita rispetto al 2020 quando si è attestata a 3,9 miliardi di euro, mentre nel 2019 a 3,3 miliardi di euro. Numeri, contenuti in un report della fonazione Gimbe, acronimo di Gruppo italiano per la medicina basata sulle evidenze, fondata dal siciliano Nino Cartabellotta.

Alla fredda lettura dei numeri, nel report viene affiancato un tema di strettissima attualità, ossia il disegno di legge presentato dal leghista Roberto Calderoli sull’autonomia differenziata delle Regioni a statuto ordinario. Testo che due giorni fa è approdato, tra le polemiche, in Senato. Per la fondazione Gimbe, l’autonomia differenziata in materia sanitaria sarebbe «uno schiaffo al Meridione e andrebbe a peggiorare il fenomeno della migrazione sanitaria». Una «secessione dei ricchi» che poggerebbe le sue basi sul riconoscimento di autonomia legislativa su alcune materie, con la possibilità di trattenere il gettito fiscale.

«Come Cgil siamo contrati all’autonomia differenziata – spiega a MeridioNews Concetta La Rosa, segretaria confederale della Cgil funzione pubblica Catania – Produrrà una divisione del Paese tra Nord e Sud. È evidente che le conseguenze peggiori le subiranno i cittadini del Meridione che già oggi, per quanto attiene il diritto alla salute, non trovano delle risposte sufficienti all’interno del proprio territorio. Assegnare autonomia su alcune materie a queste Regioni non corrisponde, inoltre – aggiunge la sindacalista – a un piano straordinario di assunzioni nelle pubbliche amministrazioni a livello nazionale. Questo graverebbe ancora di più sull’intero sistema».

Per capire bene l’analisi della fondazione Gimbe bisogna partire dalla differenza tra mobilità sanitaria attiva e passiva. La prima indica l’indice di attrazione, ossia le prestazioni erogate da ciascuna regione per i cittadini non residenti nel proprio territorio. Al vertice ci sono Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Regioni che vantano crediti superiori a 200 milioni di euro e includono quasi la metà della mobilità attiva sul territorio italiano. In fondo Sicilia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Valle d’Aosta. La mobilità sanitaria passiva, invece, esprime l’indice di fuga da una Regione, ovvero le prestazioni sanitarie erogate ai cittadini in Regioni diverse da quella di residenza e, in termini economici, identifica i debiti di ciascun territorio. Le tre Regioni con l’indice più alto, pari a debiti per oltre 300 milioni di euro ciascuna, sono Lazio, Lombardia e Campania. La Sicilia si ferma al nono posto tra Emilia Romagna e Liguria. Numeri che, secondo lo studio, documentano «rilevanti indici di fuga nelle regioni settentrionali con elevata mobilità attiva. Verosimilmente questo documenta specifiche preferenze dei cittadini agevolate dalla facilità di spostamento tra Regioni del Nord che offrono servizi sanitaria di qualità elevata».

La differenza tra crediti e debiti determina però il risultato finale, quindi il saldo di ciascuna Regione. La top tre di quelle con il saldo negativo, cioè con il più alto numero di migrazioni di pazienti dal territorio di residenza, è rappresentata da Calabria, Campania e Sicilia. I primi due territori arrivano rispettivamente a -252 milioni di euro e -220 milioni di euro. L’Isola, invece, si ferma a un -177 milioni di euro. L’altro lato della medaglia vede primeggiare, per saldo positivo, Emilia Romagna (+441 milioni di euro) Lombardia (+271 milioni di euro) e Veneto (+228 milioni euro).

Ma quali sono le prestazioni sanitarie erogate in mobilità? Il 69,6 per cento è fatto di ricoveri ordinari e in day hospital. C’è poi la specialistica ambulatoria – 16,4 per cento – e la somministrazione diretta di farmaci – 9,4 per cento -. Ricoveri e day hospital coincidono anche con prestazioni erogate per oltre la metà in strutture private. «Segnale – si legge nel rapporto – di impoverimento del sistema sanitario nazionale. I flussi economici della mobilità scorrono prevalentemente da Sud a Nord e in particolare verso le Regioni che hanno già sottoscritto pre-accordi con il governo per la richiesta di maggiori autonomie. Emilia Romagna, Lombardia e Veneto cubano complessiviamente quasi la metà dei crediti di mobilità e il 93,3 per cento del saldo di mobilità».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]