Ragusa, smantellata rete di spaccio Base in un bar, rifornivano la movida

Il supermercato della droga era davanti a un bar di Ragusa e uno dei riferimenti della rete di spaccio si definiva «lo chef» o anche «il supermarket» degli stupefacenti. Un’organizzazione che riforniva la movida notturna a Marina di Ragusa, in particolare nel cosiddetto quadrilatero di via Tindari. Ma non solo, perché i clienti arrivavano anche da Siracusa e Caltanissetta. I carabinieri hanno smantellato nelle ultime ore una rete di spaccio nella provincia iblea. Sono coinvolte tredici persone – di nazionalità italiana, albanese e tunisina, alcune con precedenti penali – a cui sono stati recapitati i provvedimenti di misura cautelare: sette in carcere e sei ai domiciliari. Tra gli stupefacenti venduti hashish, marijuana, cocaina (che veniva chiamata in codice «scarpe»), anfetamina ed ecstasy, ritenuta dagli investigatori una novità per la provincia ragusana.

Durante l’operazione, denominata Kamarina drugs e coordinata dalla sostituta procuratrice di Ragusa Valentina Botti, sono state effettuate perquisizioni sia agli indagati sia ad altri soggetti coinvolti nell’inchiesta ed è stata sequestrata una notevole quantità di droga. Le indagini sono partite nel gennaio del 2015, dopo un sequestro di tre chili di hashish a Santa Croce Camerina, e si sono protratte fino a luglio. Grazie a mirati servizi di pedinamento sono stati fermati un giovane a Rosolini e un imbianchino di Francofonte con panetti di hashish appena acquistati. Nel corso delle indagini è emersa la figura di Alket Bezhdili, 24enne di origini albanesi, che, nonostante fosse ai domiciliari, continuava a spacciare sia sulla porta di casa che in un bar di via Caucana a Santa Croce Camerina, che adesso ha cambiato gestione. È lui che, secondo i carabinieri, al telefono con gli altri spacciatori si vantava a Santa Croce di essere il «supermarket della droga» per la sua capacità di rifornire i clienti con qualsiasi sostanza ricercassero. 

Il bar di riferimento è stato anche teatro di una lite tra due bande finita a colpi di coltello con un ferito. Una rissa tra tunisini, nella notte tra il 28 e il 29 marzo, iniziata per un debito di droga. Un giovane in quell’occasione è stato ferito all’addome e ha fatto ricorso alle cure della guardia medica. Le indagini dei carabinieri portarono all’arresto del 20enne Omar Karoui, accusato di tentato omicidio. I militari avevano quindi richiesto e ottenuto dall’autorità provinciale di pubblica sicurezza la chiusura del locale per un mese.

Gli investigatori sottolineano, inoltre, la novità portata da questa organizzazione in provincia di Ragusa: lo spaccio di ecstasy, «mai sequestrata prima – precisano – e i tecnici di laboratorio dell’Asp hanno ammesso che non ne vedevano da moltissimi anni». Una situazione che desta allarme. Per questo i carabinieri annunciano di avere in programma per la primavera e la riapertura dei locali estivi una stretta sui controlli vicino a discoteche e locali notturni per intercettare i flussi di droga in entrata. 

I tredici colpiti da misura cautelare sono: Alket Bezhdili (24enne albanese, pregiudicato), Giuseppe Iacono (23 anni), L.D.M. (24 anni), Giuseppe Piazza (28 anni, pregiudicato), Armando Sedda (22 anni), di Santa Croce Camerina; i tunisini Hassan Zantour (31enne pregiudicato), Salim Ammar (23 anni), Omar Karoui (20 anni), Ferss Jenan (19 anni), Zied Amamou (21 anni), e i ragusani Leandro Vitale (24 anni), Marcello Ruggieri (29 anni). Bezhdili, Iacono, Di Martino, Zantour, Ammar, Karoui, Jenan sono finiti in carcere mentre Bezhdili, Iacono, Di Martino, Zantour, Ammar, Karoui, Jenan ai domiciliari.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]