Ragusa, Musumeci si rifiuta di tagliare il nastro «Non inauguro impianto già inaugurato nel 2009»

«Non inauguro impianti già inaugurati». Nel tour ibleo del presidente Nello Musumeci c’è pure un no. Si rifiuta di tagliare il nastro dell’impianto di compostaggio che da domani entra in funzione, una struttura che Ragusa aveva già visto inaugurare nel 2009 ma mai in questi anni è entrata in funzione. E cosi Musumeci, spiazzando i presenti, ha deciso di non effettuare il taglio ma di rimuovere il nastro: «Dobbiamo chiedere scusa ai ragusani – ha affermato Musumeci – perché per quasi dieci anni questo centro non è mai stato utilizzato, quindi non facciamo tagli, non facciamo nastri, non facciamo niente! Cerchiamo di capire, invece, come possiamo utilizzarlo».

Il taglio c’era stato invece il 19 ottobre 2009, ad opera dell’allora sindaco di Ragusa Nello Di Pasquale, in quel momento esponente di Forza Italia oggi deputato regionale del Partito democratico, quando governatore era Raffaele Lombardo. In effetti la realtà già in quei giorni era evidente. Il giorno dopo quell’inaugurazione, Gianni Iacono, attuale assessore comunale e allora coordinatore provinciale dell’Italia dei valori, denunciava: «Si è inaugurato il nulla». E in effetti da allora il Comune di Ragusa, così come gli altri della provincia, hanno continuato a sostenere le spese per trasportare i rifiuti organici fuori dai confini iblei, fino a Grammichele. Mentre l’impianto ragusano è rimasto incompleto e pian piano in abbandono. Rimetterlo in funzione rientra nella strategia del governo Musumeci che punta sull’autosufficienza di ogni provincia sul versante impianti. Obiettivo ancora lontano.   

La visita istituzionale di Musumeci nel Ragusano era iniziata stamattina con la tappa di Comiso, dove ha inaugurato la bretella di collegamento tra l’aeroporto e la Strada statale 514 Ragusa-Catania, una delle prime opere pubbliche realizzate con i fondi ex Insicem. I lavori per realizzare la nuova bretella lunga più tre chilometri sono durati 18 mesi e la ditta aggiudicataria li ha completati secondo i termini contrattuali. I lavori a base d’asta hanno avuto un importo complessivo di 9 milioni e 201mila euro con un finanziamento a valere sui fondi ex Insicem e l’appalto aggiudicato dall’Urega di Ragusa ha avuto un ribasso del 52 per cento. L’importo del contratto, al netto del ribasso, in relazione ai lavori affidati è stato determinato in 4 milioni 683mila euro.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]