Ragusa, morìa di pesci lungo il fiume Irminio Legambiente: «Strana fanghiglia». Via a indagini

Una moltitudine di trote, carpe e anguille morte lungo il fiume Irminio, in provincia di Ragusa. Alcuni ritrovati persino sulle pietre, «come se fossero schizzati fuori dall’acqua per sfuggire ad un’alterazione improvvisa e potente», denunciano i presidenti di Fipsas e Legambiente Ragusa. Il decesso improvviso e anomalo dei pesci, compresi quelli appartenenti alle specie più resistenti, sarebbe per l’associazione ambientalista un chiaro segnale di inquinamento del corso d’acqua. 

I volontari, durante le azioni di monitoraggio, hanno ritrovato gli animali senza vita a poche centinaia di metri dalla diga di Santa Rosalia, il bacino idrico artificiale costruito poco più di trent’anni fa. La vallata è parte del Sito di Interesse Comunitario, «una zona fino ad oggi mai gravemente colpita, a differenza di altre», commenta preoccupato Antonino Duchi, presidente di Legambiente Ragusa. «Sulle cause della moria, ad oggi non possiamo formulare ipotesi, se prima non si provvede ad una seria analisi delle acque», continua Duchi, segnalando però la presenza di «strana fanghiglia», notata anche in passato. Secondo il comunicato congiunto, le motivazioni del tragico evento sarebbero legate «in modo diretto o indiretto alla presenza dell’invaso», escludendo l’ipotesi di «uno scarico volante momentaneo abusivo». La quale è però «una pratica illegale, pericolosa e consuetudinaria», afferma un volontario ambientalista, sottolineando che «non sarebbe la prima volta in cui vengono riversati rifiuti tossici nel fiume». Nei dintorni si sviluppa un tessuto economico fatto di allevatori, agricoltori e piccole industrie.

La dirigente della sezione provinciale dell’Arpa, Lucia Antoci, attende esclusivamente lo svolgimento delle indagini (in corso) da parte della polizia provinciale, a cui offrono supporto per le analisi. Negli anni precedenti numerose sono state le denunce di corruzione dello stato naturale dell’ecosistema dell’Irminio. Durante l’inverno del 2013, il capoluogo ibleo era persino rimasto a corto d’acqua per settimane. Il corso del fiume era stato inquinato da un torrente affluente e l’approvvigionamento da due dei sei pozzi di Ragusa era stato sospeso. Inoltre l’Arpa, in seguito al monitoraggio di pochi anni fa, ha affermato che lo stato dell’invaso di Santa Rosalia era da ritenersi «probabilmente a rischio», con acque «risultate non conformi (…) per i valori dell’ossigeno disciolto e per la concentrazione dei floruri, con superamenti anche per il manganese, i nitrati e il BOD5». La relazione si concludeva con l’invito, rivolto alla Regione, a provvedere ad «opportune azioni di risanamento necessario».

Negli anni sono state anche denunciate pratiche di vandalismo e bracconaggio; nonostante i continui appelli alla tutela, il fiume Irminio è soggetto a gravi forme di inquinamento. Il controllo della rete idrica è compito del corpo forestale e della polizia provinciale, mentre alla gestione del bacino di Santa Rosalia è deputato il Consorzio di Bonifica 8 di Ragusa. Guidato da Giovanni Cosentini, ex vicesindaco con l’amministrazione Di Pasquale, il direttore generale più pagato in Sicilia tra tutti i consorzi di bonifica – l’ente rischia il dissesto finanziario, mentre i dipendenti non percepiscono stipendi da più di sei mesi.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]