Per una raccolta differenziata super, attenzione alla qualità

C’è il cartone della pizza che non ci sembra poi così sporco. La lampadina fulminata che in fondo sarà pur fatta di vetro. Lo scontrino che è già tanto se non finisce per terra, appena fuori dal negozio. Pigrizia o disattenzioni che rendono la raccolta differenziata di noi cittadini utile, ma di certo non super come potrebbe essere. Eppure, possiamo farcela: possiamo diventare anche noi i supereroi del quotidiano, con il piccolo sforzo di azzeccare il contenitore giusto. Perché puntando alla qualità della raccolta di organico, carta e cartone, vetro, plastica e metalli, salviamo non solo il nostro territorio in difficoltà, ma anche le nostre tasche.

Ne sono convinti a Kalat Ambiente SRR, l’ente che programma e pianifica la raccolta differenziata in 15 Comuni di Catania provincia Sud. Già centrati gli obiettivi di una raccolta differenziata oltre il 70 per cento, adesso l’appello ai cittadini è a fare meglio. Perché la frazione estranea – i rifiuti nel contenitore sbagliato, insomma – compromette la qualità della raccolta differenziata e rappresenta un danno economico per tutta la collettività. Forse non tutti sanno, infatti, che i consorzi di filiera – cioè quelli che danno nuova vita ai nostri rifiuti, riciclandoli – ammettono solo una piccola percentuale di errori. Se la frazione estranea supera la soglia consentita per ogni tipologia di rifiuto, i consorzi non pagano i Comuni. Che così non possono procedere agli eventuali sconti per i cittadini o sono costretti ad aumentare la tassa sui rifiuti per rientrare della perdita economica.

Quindi sì, anche quello scontrino gettato distrattamente può fare la differenza: «La città ha bisogno di te!».


Dalla stessa categoria

I più letti

Che sia la scelta della prima auto o il desiderio di cambiare, decidere quale mezzo ci accompagnerà nelle nostre giornate non è mai semplice. Decidere di effettuare l’acquisto di una vettura direttamente presso una concessionaria prevede un significativo impiego di tempo. Eppure un metodo per risparmiare tempo e denaro – c’è: il noleggio a lungo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]