Proposte per riqualificare la ‘Civita’

Si è svolto giovedì 19 gennaio presso la sede del Centro Voltaire (a Catania in via Scuto 19), il primo incontro di una serie dal tema impegnativo e affascinante, dato che si tratta di un sondaggio su nuove iniziative o suggestioni per una rinnovata cultura urbana. La presentazione di questa serie di incontri, dal titolo “Mille idee per la città. Per una nuova cultura urbana”, è stata centrata sulla considerazione della città non solo come luogo fisico, ma anche come intreccio di elementi storici e culturali, nonché ambientali. Si intendono porre le premesse per promuovere una maggiore consapevolezza dei fatti culturali e sociali che riguardano Catania, cercando un’assonanza sia coi bisogni degli abitanti che con la vivacità intellettuale di quanti ne vivificano gli spazi.

Il primo incontro ha visto una relazione proposta dall’ing. Gaetano Randazzo. La sua “proposta per la riqualificazione della Civita” prende spunto dalla considerazione dei nuovi progetti dell’Ente Rete Ferrovie Italiane, presentati e già parzialmente approvati, per la linea di alta velocità da Messina a Siracusa. Il relatore è partito dalla considerazione che, così come prospettato, il passaggio della nuova linea attraverso Catania graverebbe ulteriormente su quella parte di città storica è stata già più volte vittima di un malinteso intento di sviluppo modernizzatore. La Civita corre insomma il rischio di essere ulteriormente penalizzata e ingiustamente privata della dignità storica che di diritto spetta ai centri urbani, attori primi delle vicende sociali e delle tradizioni culturali di una città.

Secondo Randazzo questa potrebbe essere, al contrario, l’occasione per ottimizzare la riqualificazione del corrispondente “fronte mare” (o waterfront che dir si voglia) catanese e, contestualmente, per programmare e progettare la viabilità sud in ingresso e in uscita dalla città. Randazzo ha ricordato che la realizzazione del viadotto della marina comportò nel decennio 1860 una prima separazione del quartiere della Civita dal mare, che pure continuava a toccarla attraverso gli archi. Ma nel decennio 1940, coi lavori di ampliamento dell’area portuale, il mare venne allontanato e, in corrispondenza dell’attuale piazza S. Francesco, venne demolita la chiesa quattrocentesca del Salvatorello e spianata la rupe che aveva costituito per secoli il riferimento dei naviganti che giungevano in città.

Dal 1860 nessun intervento urbanistico compensativo ha dato dignità e senso agli spazi di risulta determinati dalla costruzione del viadotto.  Insomma, una “fedeltà storica” attualizzata chiederebbe senz’altro che i binari dell’alta velocità del progetto Rfi non vengano realizzati, come previsto, sul viadotto. Per di più, per ragioni di isolamento acustico, quest’ultimo verrebbe schermato, aumentando in altezza di circa sette metri, e costituendo un’ulteriore barriera fisica fra la città e il mare.

La proposta alternativa di Randazzo parte dall’idea che, in corrispondenza del viadotto, i binari siano comunque alloggiati in galleria. La scelta della galleria è stata recentemente adottata per il fronte mare a Napoli e proposta da Renzo Piano per quello di Genova. Randazzo ha esposto con ulteriori dettagli la sua idea, intesa all’attuazione di un progetto infrastrutturale che risolva anche le esigenze di transito ma che valorizzi la vivibilità delle parti urbane interessate dall’intervento.

Il prossimo incontro della serie promossa dal Centro Voltaire è previsto per martedì 24 Gennaio 2006, alle h.18. Enrico Escher e Luciano Granozzi parleranno di un tema che ci riguarda direttamente: “Step1 Magazine: un esperienza di giornalismo studentesco”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]