La «strategia predatoria» della 58enne accusata dell’omicidio dell’anziana prozia per l’eredità

«Una strategia palesemente predatoria». Ci sarebbe questo dietro una serie di azioni compiute dalla 58enne che è stata arrestata ieri con l’accusa di avere provocato la morte dell’anziana prozia Maria Basso ad Aci Castello, in provincia di Catania. Ne è convinto il giudice per le indagini preliminari Sebastiano Di Giacomo Barbagallo. Nel provvedimento con cui ha accolto la richiesta della sostituta procuratrice Michela Maresca degli arresti domiciliari per la donna, infatti, scrive che «emerge inequivocabilmente una strategia palesemente predatoria» che sarebbe stata messa in atto dall’indagata per «abusare dello stato di infermità della persona offesa».

Secondo la ricostruzione dell’accusa, l’80enne sarebbe stata indotta a revocare la procura originaria per rilasciarla dell’indagata e a redigere un nuovo testamento in cui la 58enne è nominata erede universale. Nel vecchio documento firmato davanti a un notaio dall’anziana, l’intera eredità sarebbe stata devoluta ai Salesiani di Torino. Per questo, la 58enne è accusata anche di circonvenzione di incapace. La donna, difesa dagli avvocati Carmelo PelusoLino Rovetta si professa innocente e sarà sottoposta all’interrogatorio di garanzia mercoledì 28 febbraio.

Stando a quanto emerso finora nel corso delle indagini, partite dopo l’esposto di un cugino della vittima, tutto sarebbe iniziato in occasione della festa dell’80esimo compleanno di Maria Basso. Nella struttura in cui era ospite ad Asiago (in provincia di Vicenza, in Veneto) si sarebbe presentata, pure senza essere stata invitata, anche la pronipote che prima di quel momento non avrebbe avuto un rapporto frequente né intimo con l’anziana. Da lì in poi, per mesi, avrebbe invece mostrato «un attaccamento quasi morboso». Per l’accusa, avendo di mira il suo cospicuo patrimonio. Con un improvviso e lungo viaggio in macchina, la 58enne avrebbe portato la prozia fino ad Aci Castello per affidarla a una casa di cura. Alcuni giorni prima del decesso, avrebbe invitato l’anziana fuori a pranzo e le avrebbe fatto mangiare un piatto di spaghetti e un dolce. Cibi solidi che, a causa di una malattia invalidante che la costringeva ad alimentarsi solo con omogeneizzati, l’80enne non avrebbe potuto ingerire. Per questo, sarebbe finita in ospedale.

Per la procura di Catania, l’anziana sarebbe morta qualche giorno dopo per una polmonite ab ingesti. Un’infiammazione dei polmoni causata dall’ingresso di sostanze estranee (in questo caso, cibo) nell’albero broncopolmonare. Una ricostruzione rifiutata dalla pronipote, indagata e finita ai domiciliari con il braccialetto elettronico, che sostiene di avere dato all’anziana «tutte le cure di cui aveva bisogno» e di averle fatto mangiare «soltanto cibo spezzettato, come le veniva già somministrato nella casa di riposo in cui era ospitata».


Dalla stessa categoria

I più letti

«Una strategia palesemente predatoria». Ci sarebbe questo dietro una serie di azioni compiute dalla 58enne che è stata arrestata ieri con l’accusa di avere provocato la morte dell’anziana prozia Maria Basso ad Aci Castello, in provincia di Catania. Ne è convinto il giudice per le indagini preliminari Sebastiano Di Giacomo Barbagallo. Nel provvedimento con cui […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]