Processo Mario Ciancio, in aula sentiti Fava e Dalla Chiesa I necrologi e il caso delle dichiarazioni di Avola e Grasso

Il caso dei necrologi del giornalista Pippo Fava e del commissario di polizia Beppe Montana, ma anche la gestione giornalistica delle notizie riguardanti il pentimento di Maurizio Avola e di quello, solo annunciato, di Luciano Grasso. Sono alcuni dei passaggi salienti dell’ultima udienza del processo a Mario Ciancio Sanfilippo, editore monopolista ed ex direttore del quotidiano La Sicilia, alla sbarra con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. A giudizio non c’è solo l’imprenditore 89enne ma anche la linea editoriale del giornale di via Oderico da Pordenone. L’appuntamento al palazzo di giustizia, davanti il giudice Roberto Passalacqua, si apre con la presenza di Raffaele Lombardo. L’ex presidente della Regione, nelle vesti di testimone, ha però scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere alle domande, poiché imputato di reato connesso. Lombardo il 7 gennaio scorso è stato assolto nel processo d’appello bis in cui era accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio aggravato. «Le motivazioni non sono state ancora depositate – spiega in aula il pubblico ministero Antonino Fanara – Quindi il caso è ancora pendente ed è possibile una nuova impugnazione». 

A rispondere alle domande sono stati invece Claudio Fava e Nando Della Chiesa. La memoria, con i quesiti dell’avvocato Goffredo D’Antona – che assiste la famiglia Montana – torna al 2 giugno 1994, giorno in cui La Sicilia, a pagina 13, svelava di «nuove e clamorose rivelazioni» di uno degli storici killer della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano: Maurizio Avola. Dichiarazioni non solo sul delitto del giornalista Pippo Fava, avvenuto il 5 gennaio 1984, ma anche su quello del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Carini nel 1982. Ossia quando Avola aveva appena compiuto 21 anni e non era ancora affiliato alla mafia. Nel testo sul giornale, firmato da Salvatore Pernice, il giornalista si chiedeva com’era possibile che un «picciotto potesse essere stato incaricato della strage». «Ci fu una reazione piuttosto dura da parte della procura di Catania dopo la pubblicazione dell’articolo», racconta Fava. Il riferimento è a una conferenza stampa che venne convocata dai procuratori Amedeo Bertone e Mario Busacca. I magistrati parlarono di «un quadro confuso e falso in cui emergeva una strategia volta a gettare ombre». A occuparsi di Avola quel giorno però non fu soltanto il quotidiano di Ciancio ma anche Il Giorno, in un approfondimento identico firmato da Tony Zermo, editorialista e storica firma del giornale di via Odorico da Pordenone. «Su questo aspetto ci fu un procedimento per rivelazione di segreto istruttorio – continua Fava – Certamente venne sentito Zermo nel processo sulla morte di mio padre ma non ricordo se si assunse la paternità di entrambi gli articoli».

La vicenda Avola rimanda al caso del detenuto Luciano Grasso. Nel 1985, quando si trovava in prigione a Belluno, fece sapere ai magistrati di volere parlare di alcuni omicidi, tra cui quello di Pippo Fava. La sua rimase però solo un’intenzione. «L’indomani Grasso, quando il magistrato si recò in carcere per sentirlo, si fece trovare con una pagina del quotidiano La Sicilia in cui si annunciava, con nome, cognome e residenza, della sua volontà di raccontare qualcosa», spiega Fava. Il parlamentare regionale e presidente della commissione antimafia all’Ars ha ripercorso anche la storia del necrologio che la famiglia Fava intendeva pubblicare nel 1986. «Accadde un fatto spiacevole – spiega – Mia sorella andrò alla concessionaria pubblicitaria de La Sicilia per presentare il necrologio. L’impiegato le rispose che, per com’era formulato, poteva accettarlo ma solo con riserva. C’era scritto che ricordavamo la morte di “Pippo Fava per mano mafiosa”. Così decidemmo di scrivere un comunicato stampa che poi venne pubblicato dalle agenzie di stampa – continua Fava – Subito mi chiamò il direttore dell’agenzia pubblicitaria dicendomi che c’era stato un malinteso ma non mi seppe spiegare la ragione per cui venne accettato con riserva. La direzione de La Sicilia rispose dicendo che il nostro comunicato era intimidatorio e la stessa risposta venne ripresa dal comitato di redazione e di fabbrica». 

Durante l’udienza l’avvocato Carmelo Peluso, che difende Ciancio, ha annunciato di avere depositato a fascicolo le pagine de La Sicilia in cui vennero pubblicati ampia stralci del libro di Pippo Fava Processo alla Sicilia. «Ricorda se il giornale di Ciancio riportò la notizia della partecipazione di suo padre all’intervista da Enzo Biagi? (l’ultima del giornalista prima di essere ucciso, ndr)», chiede il legale al testimone facendo riferimento alla partecipazione alla trasmissione Film Story – Mafia e Camorra . «Quella intervista era andata in onda otto giorni prima – risponde Fava – ed è naturale che la memoria corse a quelle parole. Frasi dure e frontali nei confronti di Cosa nostra e del perimetro dei suoi rapporti». Altro riferimento dell’avvocato difensore è quello a un articolo, firmato da Giuseppe Testa e dal titolo “I veri mafiosi non sono quelli che ammazzano”, pubblicato a pagina 7 nel gennaio 1984, dopo il delitto Fava. «Avevate qualche rapporto con questo giornalista?», domanda Peluso. «No – risponde Fava -, La registrazione di quella intervista con Biagi era disponibile per tutti e fu normale pensare a quella come elemento scatenante». 

Ultimo testimone dell’udienza Nando Dalla Chiesa, professore universitario di Sociologia della Criminalità organizzata e figlio di Carlo Alberto Dalla Chiesa. Con lui sono state ripercorse alcune vicende legate alla mancata pubblicazione del necrologio sulla morte del commissario Beppe Montana. La prossima udienza, fissata per il 28 aprile, vedrà la presenza tra i testimoni del pentito Giuseppe Raffa e del giornalista Sigfrido Ranucci. Poi toccherà a sei testi della difesa, dai quali è stato depennato l’ex sindaco di Catania Enzo Bianco. Ultimo atto prima dell’inizio della discussione della pubblica accusa. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]