Poveri sindaci, tra l’incudine e il martello!

Continuando l’ondata di maltempo che da qualche giorno sta colpendo la Sicilia – con “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, accompagnati da rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento” – la Protezione civile regionale ha diffuso un Avviso per il rischio meteo-idrogeologico (n. 22332 del 28.11.2022), disponendo per tutta l’isola l’allerta meteo arancione.

Si è trattato del primo passo di una procedura che vede in primo piano i Sindaci cui tocca “predisporre le azioni di prevenzione previste nei propri piani di protezione civile in attuazione dei livelli di allerta” e assumere le decisioni conseguenti e finali. Decisione non semplice, a giudicare dagli atteggiamenti che hanno visto alcuni disporre la chiusura di scuole e uffici ed altri limitarsi solo a raccomandare prudenza negli spostamenti, da evitare se non proprio necessari. 

La cosa, ovviamente, non ha risparmiato critiche ai primi cittadini, accusati ora di zelo eccessivo (quelli che hanno disposto la chiusura) ora di esagerata superficialità (quelli che non l’hanno disposta). Ai numerosi commenti – non privi di ironia (“Se i Sindaci chiudono le scuole con l’allerta arancione, con l’allerta rossa che fanno? Ordinano il coprifuoco?”), di autoreferenzialità (“Ai nostri tempi si andava a scuola anche con la pioggia e le scuole non venivano chiuse.”) e di bonarie tiratine d’orecchie (“Non chiudendo le scuole, il Sindaco si è assunta una grande responsabilità. È lui il tutore della salute pubblica!”) – si sono aggiunte le rimostranze di molti genitori, risentiti o perché improvvisamente costretti a “combattere” con i figli in un orario in cui a ciò pensa la Scuola o perché, per tenere i figli, hanno dovuto prendere un giorno di ferie o hanno dovuto fare ricorso a nonni, vicini e parenti vari.

Mentre leggevamo ciò, il pensiero non poteva non andare ai Sindaci. Poveri sindaci, sempre e comunque nell’occhio del ciclone, tra l’incudine e il martello, pressati dalle emergenze meteorologiche (che li obbligano a decidere) e condizionati dalle Procure (con qualche procedimento o per omissione di atti d’ufficio o per procurato allarme, sempre dietro l’angolo). Proprio così, poveri sindaci, qualunque decisione prendano, non saranno mai esenti da critiche e da responsabilità.

Tutto ciò ci spinge a spezzare una lancia in loro favore e a sostenere che, al riguardo, meriterebbero maggiore rispetto: perché  il legislatore ha scaricato su di loro, in quanto soggetto istituzionale più vicino ai cittadini, il peso di una responsabilità non indifferente e perché, spesso senza l’ausilio di mezzi che possano aiutarli nella valutazione, e con i ristretti tempi dettati dall’emergenza, sono chiamati, nella solitudine più totale, a prendere decisioni importanti, con il rischio che talvolta si rivelino esagerate, specie quando al posto del violento temporale annunciato, spunta una bella giornata di sole che suggerisce facili ironie.

E a proposito di ironie, sarebbe il caso non insistere più di tanto. Che colpa ha quel povero Sindaco se il temporale previsto per la mattinata si verifica nel pomeriggio?  E ancora, se al posto del sole previsto, c’è il diluvio universale e il sindaco non ha dato alcun allarme, a chi verrebbe attribuita la colpa?  Un po’ di prudenza nei giudizi, come si può intuire, non guasterebbe.

Meglio un ordinanza in più prima che qualcosa di spiacevole dopo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Continuando l’ondata di maltempo che da qualche giorno sta colpendo la Sicilia – con “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, accompagnati da rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento” – la Protezione civile regionale ha diffuso un Avviso per il rischio meteo-idrogeologico (n. 22332 del 28.11.2022), disponendo per […]

Continuando l’ondata di maltempo che da qualche giorno sta colpendo la Sicilia – con “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, accompagnati da rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento” – la Protezione civile regionale ha diffuso un Avviso per il rischio meteo-idrogeologico (n. 22332 del 28.11.2022), disponendo per […]

Continuando l’ondata di maltempo che da qualche giorno sta colpendo la Sicilia – con “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, accompagnati da rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento” – la Protezione civile regionale ha diffuso un Avviso per il rischio meteo-idrogeologico (n. 22332 del 28.11.2022), disponendo per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]