Pogliese, l’incontro con la giunta e il nodo dimissioni «Ci ha confessato di sentirsi defraudato di un diritto»

Prima di premere sul tasto
Pubblica e diffondere urbi et orbi la notizia della nuova sospensione in applicazione della legge Severino dalla sua pagina ufficiale su Facebook, il primo cittadino Salvo Pogliese ha riunito tutta la giunta. Una riunione che dagli stessi partecipanti è stata definita più che altro come «un incontro» di presenza e fuori da palazzo degli Elefanti durante il quale nel pomeriggio di ieri, dopo essere uscito dalla stanza in cui si era chiuso con la segretaria comunale Rossana Manno e con i suoi avvocati, il sindaco «ci ha comunicato in anticipo la nota ricevuta dalla prefettura. E ci ha confessato di sentirsi defraudato di un suo diritto – rivela a MeridioNews uno degli assessori presenti all’incontro – Dopo di che ci siamo concentrati più sul lato umano e non su aspetti tecnici o procedurali». Del resto, su quelli c’è poco da discutere. 

Tra qualche assessore che da ieri 
non risponde quando vede lampeggiare sullo schermo del proprio cellulare il numero di qualche giornalista, qualche altro che da ieri pomeriggio ha la segreteria telefonica e chi rifiuta ogni chiamata in entrata, c’è anche chi nega non solo di avere partecipato alla riunione ma anche che ci sia proprio stata. «Non c’è stato nessun incontro o io non sono stato invitato – dice a MeridioNews un componente della giunta che, però, è stato visto uscire dal portone in cui quell’incontro si è tenuto – Ho sentito il sindaco solo con qualche messaggio su WhatsApp e solo per cose pratiche di gestione della città». E, invece, quell’incontro c’è stato. Esattamente alle 19 di ieri pomeriggio, con la convocazione arrivata per messaggio un’ora prima dell’appuntamento. Ma, chissà perché, pare che quasi nessuno abbia voglia di parlarne. L’assessore Pippo Arcidiacono, dopo qualche ritrosia iniziale e la voglia di trincerarsi nel silenzio, dichiara solo che: «Vogliamo bene a Salvo Pogliese in tutto e per tutto e il nostro augurio è che possa essere fatta giustizia». 

Intanto, pare che l’argomento più scottante – quello delle
dimissioni – non sia stato toccato, o almeno non in maniera esplicita. «Ci ha detto che questo è un aspetto che valuterà con serenità perché – afferma il vicesindaco al nostro giornale – qualsiasi scelta fatta adesso sarebbe affrettata. Mi preoccupo più di Salvo Pogliese come uomo che non del sindaco di Catania. Mi immedesimo e lo capisco ed è per questo che mi sono messo subito a disposizione nonostante per me sarà un sacrificio enorme», continua Bonaccorsi a cui stamattina è già stato notificato il provvedimento con cui entra in carica, esattamente come già accaduto quando Pogliese era stato sospeso per la prima volta dal prefetto nel luglio del 2020. Un passaggio previsto dalla legge che porta il nome della ex ministra del governo Monti per il sindaco che è stato condannato in primo grado per peculato a quattro anni e tre mesi nella vicenda delle spese pazze all’Ars quando era deputato. 

Adesso, esattamente come durante i quattro mesi di due anni fa,
l’attività amministrativa non dovrebbe subire nessuna battuta d’arresto. «La porteremo avanti al massimo della sua efficacia», assicura Bonaccorsi che però deve già affrontare le reazioni politiche che si susseguono da ogni parte. I più vicini – ma non solo – gli hanno già espresso vicinanza e solidarietà, chi sta dalla parte opposta invece ne chiede a gran voce le dimissioni. «Credo che siano solo dichiarazioni strumenti e che non si possa essere davvero così sciacalli – lamenta il vicesindaco – anche perché questa richiesta è arrivata anche da chi a Reggio Calabria chiede invece che il primo cittadino resti al proprio posto». Oltre lo Stretto, infatti, è il sindaco del Pd Giuseppe Falcomatà a dovere fare i conti sempre con l’applicazione della legge Severino. Condannato per 14 mesi, lui è stato sospeso per 18. «La legge nasce in un momento in cui era importante intervenire per frenare la corruzione e i reati contro la pubblica amministrazione – ha detto Francesco Manganaro, docente dell’Università di Reggio Calabria e presidente dell’associazione italiana professori di Diritto amministrativo, durante la trasmissione Direttora d’aria – Adesso, però, credo sia evidente che vanno ripensati alcuni aspetti, come si sta già provando a fare in parlamento. Innanzitutto perché non si comprende come possa valere solo per le istituzioni regionali e comunali e non per i deputati nazionali ed europei; e poi perché la sospensione fissa, a prescindere dall’entità del reato, porta a delle storture». 

Intanto, al momento Pogliese è a Roma per incontrare la leader del di Fratelli d’Italia
Giorgia Meloni e anche il presidente della Regione Nello Musumeci, nella capitale per eleggere il presidente della Repubblica. Un appuntamento già in agenda che, però, adesso vede modificati i punti all’ordine del giorno dopo la notizia che il sindaco ha definito «inaspettata», nonostante la si aspettasse da mesi. Dal suo entourage c’è chi dice che Pogliese avrebbe ricevuto eccessive garanzie da parte dei suoi legali che, adesso, sono di nuovo a lavoro per capire come procedere.  


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]