Placebo – Meds

Placebo – Meds (2006, Virgin)
1 Meds
2 Infra-red
3 Drag
4 Space Monkey
5 Follow The Cops Back Home
6 Post Blue
7 Because I Want You
8 Blind
9 Pierrot The Clown
10 Broken Promise
11 One Of A Kind
12 In The Cold Light Of Morning
13 Song To Say Goodbye

Per un motivo o per un altro, il nuovo lavoro dei Placebo non è stato di certo in cima alla lista degli album più attesi del 2006: chi aveva visto nel precedente “Sleeping With Ghosts” (2003) il canto del cigno della band inglese, intenta qui a coverizzare se stessa in uno sterile tentativo di riciclarsi, avrà sicuramente cancellato dai preferiti il link del loro website; mentre i fans più accaniti avranno avuto (ci scommetto) un certo timore per quello che sarebbe potuto venir fuori dopo il deludente predecessore del 2003 ed un inutile greatest hits come “Once More With Feeling”.

La verità, come (quasi) sempre, sta nel mezzo: Meds, quinto album in studio dei Placebo, presenta un involucro modellato ad arte per ingraziarsi i fans di vecchia data, allontanandosi allo stesso tempo da quel dettato fastidiosamente elettronico di “Sleeping With Ghosts” che tante critiche aveva sollevato tra le frange più “integraliste” dei sostenitori del trio britannico. E così la ritrovata vena chitarristica della band fa subito la sua comparsa nella title-track d’apertura, brano impreziosito (si fa per dire…) da una ospite di lusso quale Alison “VV” Mosshart (voce dei The Kills); Infra-Red è l’unico episodio che, pur non presentando chissà quali novità, ha le carte in regola per restare nella storia dei Placebo, a differenza di brani come Drag o Space Monkey o il singolo Because I Want You, esempi più palesi di come i Placebo abbiano deciso di clonare a più ripetizioni le vecchie perle della propria produzione.

L’ottima melodia di Pierrot The Clown precede l’apparizione della seconda special guest dell’album: il vocalist dei R.E.M. Michael Stipe accompagna Brian Molko in Broken Promise, brano dove ad una delicata partenza segue una esplosione sonora non propriamente adatta alla fievole voce di Stipe. A chiusura troviamo due brani che riabilitano in parte i Placebo ai nostri occhi: l’angosciante ballata In The Cold Light Of The Morning e una canzone veloce e ritmata come Song To Say Goodbye, un binomio di bowieana memoria (soprattutto il primo pezzo) che presenta anche le migliori prove vocali di Molko.

Nonostante “Meds” non sia dunque un album sgradevole, ne passa dal giudicarlo all’altezza di “Without You I’m Nothing” o “Black Market Music”; i Placebo si dimostrano ancora una volta ostinatamente legati ad una forma canzone poco originale e noiosamente impregnata di autocitazionismo, il passo in avanti rispetto all’album del 2003 si nota, ma ha tutta l’aria della tremolante andatura di uno zoppo che arranca.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]