Pippo Fava, una voce scomoda

“Pippo Fava ha scritto un sacco di libri, e cose di teatro anche. Però Pippo Fava non è mica uno importante. Per esempio, arriva una centoventiquattro scassata, dalla centoventiquattro esce uno con la faccia da saraceno e un’Esportazione che gli pende da un angolo della bocca e ride e quello è Pippo Fava.” Queste le prime righe, scritte da Riccardo Orioles, nell’editoriale apparso sul numero di gennaio del 1984 della rivista I Siciliani. Qualche giorno prima, il cinque, il Direttore (così lo chiamavano) era stato ammazzato dalla mafia. Aldo Ercolano e Benedetto Santapaola, detto Nitto (il boss dei boss di Catania e in Sicilia Orientale) sono stati condannati in tutti i gradi di giudizio.
Nel gennaio 1983, esattamente un anno prima, in tutte le edicole di Catania nasceva la rivista I SICILIANI.

Lo realizzava la cooperativa Radar fondata da Giuseppe Fava che qualche mese prima era stato cacciato dal Giornale del Sud per aver parlato più volte di mafia e per aver fatto il nome di un mafioso arrestato a Milano e parente di un politico catanese. Sicuramente quel primo numero suscitò un grande scalpore nella Catania bene. L’inchiesta di punta aveva per titolo: “I quattro cavalieri dell’apocalisse mafiosa“, saltavano fuori i nomi di Rendo, Costanzo, Graci e Finocchiaro. Ovvero i quattro costruttori che oltre a cementificare Catania avevano esteso i loro tentacoli fino a Palermo e anche in “continente”. Il generale Dalla Chiesa, prima di essere ammazzato si era messo sulle loro tracce attraverso accertamenti bancari che all’epoca erano alquanto difficoltosi.

Catania tremava, Fava e tutto il suo gruppo nel giro di un anno realizzarono inchieste, facendo nomi e cognomi, creando una coscienza antimafiosa e un giornale libero dove si raccontava la Sicilia di quegli anni, con tutti i pregi e i difetti, senza servilismi o censure di natura alcuna. La Catania che tremava, i ben pensanti, compreso i noti giornali locali si sprecavano nel rivendicare a voce alta che “la mafia non esiste e che così non si fa altro che infangare il nome della Sicilia”. La rivista nel frattempo vendette numerose copie anche nel resto d’Italia. Fava dunque era il simbolo di un gruppo che andava annientato, un gruppo scomodo non solo alla mafia ma anche a chi, il potere politico e imprenditoriale, in quegli anni faceva affari con la mafia. Un gruppo che lavorava come nessun altro giornale aveva fin’ora fatto.

Fu ucciso a sangue freddo, forse senza neanche rendersene conto. Ma morto Fava, la rivista i Siciliani per anni ha continuato a lottare svolgendo il proprio lavoro egregiamente anche in memoria del loro Direttore. Memoria che in questi venti anni non sempre è stata ricordata dalla stampa locale e da una parte della città come sarebbe stato giusto e doveroso nei confronti di una persona che ha dato la vita per la lotta alla
mafia e non solo. Basti pensare che solo poche righe e nulla più ha dedicato La Sicilia, il giornale più diffuso nella Sicilia orientale, alla sentenza della Cassazione che nel gennaio di quest’anno ha condannato definitivamente Santapaola ed Ercolano come esecutori materiali del delitto Fava.
Segno evidente che la memoria e la voce di Fava a vent’anni di distanza è ancora scomoda.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]