Pioletti presenta la candidatura a Rettore

“Discontinuità con la gestione precedente, e in particolare con il metodo di gestione” ecco il messaggio del professore Pioletti, che questa mattina ha presentato ufficialmente la sua candidatura alla carica di Rettore.

Ringraziando i numerosi intervenuti al Monastero dei Benedettini, tra cui professori, studenti e rappresentanti sindacali, il candidato inizia illustrando i punti principali del suo programma:

“Il confronto deve essere la base del lavoro di un Rettore, che deve distinguersi per la capacità di ascoltare e mediare con chiunque voglia portare avanti delle proposte”. Ed in questo senso va intesa la sua candidatura: “Chi sostiene maliziosamente che io mi ritirerò dalla corsa, dovrà ricredersi. E l’ora di una riflessione seria sulle problematiche del nostro ateneo. Voglio evitare che queste elezioni si riducano a una mera conta dei voti, devono anzi segnare l’inizio di una svolta, una discontinuità con il passato”.

 

Ed ecco perché si dice pronto al dialogo, al confronto e alle critiche serrate, che non dovranno mai essere confuse con polemiche sterili e attacchi personali.

“In un contesto difficile come quello nostro, il Mezzogiorno, che non offre le potenzialità per il futuro, che costringe i giovani ad emigrare, dobbiamo rimettere al centro la vita quotidiana. La vita della persona deve tornare dentro le considerazioni dell’Università”.

Per fare questo, il Professore si auspica che si continui con la formazione di un’area comune del Mediterraneo, che rappresenti un’alternativa alla fuga verso l’estero.

 

Pioletti poi si sofferma su alcuni dati che forniscono, come lui stesso dice, una radiografia della situazione attuale dell’Ateneo.

“E’ vero che aumenta il numero dei laureati, ma questo perché sono aumentate considerevolmente le immatricolazioni. Si dovrebbe però verificare la qualità di questi laureati.” La considerazione poi si sposta sul rapporto numerico tra docenti e studenti. “Se ci troviamo di fronte a situazioni dove, come in Scienze della Formazione, il rapporto è un docente ogni 142 studenti, diventa necessario, quasi vitale, un riequilibrio.”

Questo non si traduce, ci tiene a sottolinearlo, all’introduzione dal numero chiuso, soluzione che Pioletti contrasta fortemente. Anche se poi dichiara che il numero programmato diventa necessario per la mancanza di risorse finanziarie.

 

Si sofferma poi sulla questione “caro affitti”: “Si è creato un vero e proprio mercato nero degli affitti per gli studenti. Ecco perché si dovrà stabilite una maggiore coordinazione con l’ ERSU, sempre nell’ambito del diritto allo studio, che sia davvero garantito a tutti.”

 

La figura del Rettore dovrà essere per Pioletti, una figura lontana dalle logiche partitiche, che sia interessato per questo al bene delle Istituzioni e degli studenti in genere. Ed a questo proposito alla base del lavoro del Rettorato e delle istituzioni che a lui fanno capo ci deve essere una programmazione strategica: “Bisogna individuare le priorità, reperire le risorse e realizzare le infrastrutture necessarie”. Quindi la ricerca di fondi come primo obiettivo; questo però non vuol dire aprire alle privatizzazioni: “Io sono convinto della grande importanza dell’Università pubblica, fondata sul primato del bene comune, sull’interesse generale, altrimenti sarebbe solo diritto che diventa ‘favore’. Ecco perché sono contrario alla privatizzazione, allo smantellamento del Pubblico a favore del privato. Atro discorso sono, ovviamente, le convenzioni esterne con le associazioni culturali della città.”. L’ex-Preside, inoltre, auspica la formazione di una consulta permanente che individui le priorità legate al territorio e che sia poi capace di rispondere alle esigenze della comunità.

 

Altro argomento centrale è quello del decentramento: “Sappiamo che l’Ateneo di Catania è ormai presente in quasi tutta la Sicilia Orientale: Siracusa, Ragusa, Enna, Caltagirone. Queste sezioni distaccate sono spesso davvero carenti, con un’organizzazione approssimativa e che spesso sono nate per interessi personalistici. Questa situazione aggrava la situazione degli studenti, in ambito didattico, e inoltre mortifica la aspettative di carriera dei docenti, che lavorano in quegli ambiti.Gli studenti hanno tutti gli stessi diritti, che siano a Ragusa o Caltagirone, Siracusa o la centralissima Catania”

 

Ultimo punto affrontato dal candidato è la questione del precariato: “La situazione di alcuni lavoratori dell’Ateneo è drammatica. C’è un muro di gomma, poca chiarezza, un esempio su tutti, il ruolo del personale amministrativo, che con il tempo è stato depauperato. Questo è un altro segno evidente del declino a cui stiamo assistendo. Si rende necessaria un’attenzione maggiore, bisogna assumere la linea dell’assunzione di personale a contratto indeterminato”

 

Nel complesso la candidatura di Pioletti si configura come una presa di posizione contro la scarsa dinamicità e l’assenza di rinnovamento dimostrato fino adesso nella gestione dell’Ateneo.

Vicino alle figure fondamentali dell’Università, gli studenti, Pioletti porterà avanti la sua “battaglia” per una Università di tutti, che possa garantire davvero il diritto allo studio.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]