Pignataro: «Statuto, così non va»

Se non è un vero e proprio contro-statuto, poco ci manca. In vista della prossima seduta del Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo catanese, Giacomo Pignataro, docente di Economia e membro del Cda, mette nero su bianco tutte le sue perplessità riguardo alla bozza del documento, licenziata dalla Commissione il 30 giugno scorso.
In una lettera “aperta”, spedita a tutto il personale dell’Università, il professore prende in esame in particolare tre punti scottanti, che già avevano sollevato numerose critiche: 1) l’autonomia dei futuri Dipartimenti (che di fatto sostituiranno le facoltà); 2) la rappresentatività all’interno degli organi di governo e il meccanismo di selezione dei membri del futuro Cda; 3) la democraticità dei processi decisionali e il coinvolgimento degli studenti nella vita dell’Ateneo.

Leggendo il documento, saltano agli occhi due questioni sostanziali che interessano più da vicino gli studenti e la vita democratica all’interno dell’istituzione universitaria: la composizione del futuro Consiglio di Amministrazione (con l’ingresso dei “privati”) e quella relativa alla Consulta degli Studenti.
Ma andiamo con ordine. Scrive il prof. Pignataro: «per quanto riguarda il Consiglio di Amministrazione, essendo configurato come l’organo che assume le decisioni fondamentali per lo sviluppo della comunità (indirizzo strategico, programmazione e allocazione delle risorse) esso deve essere, a mio avviso:

– riconducibile, seppur non direttamente, ad una investitura della comunità, essendo ancora fondante, per le nostre Università, il principio di autogoverno ed autonomia;

– sufficientemente “distante” dagli altri organi, per una questione di corretto e funzionale equilibrio tra i poteri, e anche al fine di garantire che programmazione e allocazione delle risorse abbiano sempre meno un fondamento politico e si avvicinino sempre più ad una logica di merito; 

– costituito da persone scelte esclusivamente con il criterio della professionalità, così come richiede la legge. Ritengo, peraltro, che la recente lettera del Ministro, sul punto che riguarda la composizione del Consiglio di amministrazione, sebbene direttamente riferito ai soli componenti esterni, possa essere interpretata in tal senso».

Avendo in mente questi principii, l’ex presidente della Scuola Superiore propone che per la selezione di tutti i membri del Cda, esterni e interni si proceda innanzitutto mediante avviso pubblico. Inoltre per gli esterni – specifica Pignataro – «sarebbe opportuno escludere che essi abbiano o abbiano avuto, in un periodo precedente all’avviso (da determinarsi), incarichi di natura politica o per gli interni, la partecipazione all’avviso andrebbe estesa a tutto il personale di ruolo dell’Ateneo, senza distinzione tra le varie categorie. Andrebbero più puntualmente definiti i requisiti di professionalità che si richiedono. Al fine di garantire più efficacemente le pari opportunità, andrebbe indicato un criterio di presenza minima di componenti di ciascun sesso (ad esempio, 2 o 3) o la selezione delle candidature, sia esterne che interne, va operata da un organo appositamente costituito, a cui può essere attribuita direttamente la scelta, o che può individuare una rosa molto ristretta di candidature (non più del doppio dei componenti da selezionare), nell’ambito della quale sceglieranno sia il Rettore sia il Senato accademico».

Sempre per quanto riguarda l’equilibrio tra poteri e la democrazia all’interno dell’Ateneo, il prof. Pignataro propone due ulteriori modifiche allo Statuto e cioè di «ripristinare la presenza delle Commissioni per la didattica e per la ricerca e della Consulta degli studenti, prevedendo, per quest’ultima, che esprima pareri obbligatori sulle questioni più rilevanti attinenti all’organizzazione della didattica (di cui gli organi devono tener conto, anche quando se ne discostano), che abbia funzioni propositive e il diritto di accesso a dati e documenti rilevanti. In particolare, ritengo importante che la Consulta degli studenti intervenga nella progettazione delle modalità di valutazione della didattica e delle strutture da parte degli studenti».

Mentre a Bologna sullo stesso tema (e per perplessità analoghe) si indice un referendum tra docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo e a Torino, si propone una petizione online, a Catania è tempo di “controdeduzioni” alla bozza elaborata dalla Commissione: oltre a quelli suggeriti da Pignataro, si attendono per dopodomani, gli (eventuali) emendamenti dei Senatori Accademici. Domani invece, il Rettore incontrerà i sindacati, su richiesta delle segreterie confederali. Bisogna fare in fretta, perché – secondo il timing previsto dall’Ateneo – il 19 luglio il Senato Accademico dovrà approvare il nuovo Statuto in via definitiva.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Giacomo Pignataro, professore ordinario di economia delle finanze e membro del Cda dell'Ateneo di Catania scrive una lettera aperta al Magnifico Antonino Recca per riscrivere alcuni articoli della carta delle regole dell'Università. Le proposte di modifica più importanti riguardano l'autonomia dei dipartimenti, democrazia e coinvolgimento degli studenti, equilibrio tra i poteri e trasparenza nella selezione dei membri del Cda- Statuto: "Troppo potere al Rettore"

Giacomo Pignataro, professore ordinario di economia delle finanze e membro del Cda dell'Ateneo di Catania scrive una lettera aperta al Magnifico Antonino Recca per riscrivere alcuni articoli della carta delle regole dell'Università. Le proposte di modifica più importanti riguardano l'autonomia dei dipartimenti, democrazia e coinvolgimento degli studenti, equilibrio tra i poteri e trasparenza nella selezione dei membri del Cda- Statuto: "Troppo potere al Rettore"

Giacomo Pignataro, professore ordinario di economia delle finanze e membro del Cda dell'Ateneo di Catania scrive una lettera aperta al Magnifico Antonino Recca per riscrivere alcuni articoli della carta delle regole dell'Università. Le proposte di modifica più importanti riguardano l'autonomia dei dipartimenti, democrazia e coinvolgimento degli studenti, equilibrio tra i poteri e trasparenza nella selezione dei membri del Cda- Statuto: "Troppo potere al Rettore"

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]