Francesco Gruppuso Sindaco di Calatafimi Segesta su Facebook

Incendi, quanto (poco) conoscono il piano di prevenzione Schifani e la sua maggioranza

Durante l’audizione all’Assemblea regionale, il presidente Renato Schifani, chiamato a rispondere sugli incendi che hanno martoriato la Sicilia durante tutta l’estate, raggiungendo percentuali di territorio distrutte da record rispetto agli anni passati, oltre che alle vittime, mai tante quanto in questo 2023, è stato protagonista di un curioso botta e risposta con Ismaele La Vardera, deputato di Sud chiama Nord. La Vardera nel corso del suo intervento ha prima sostenuto di avere una «super fonte» che gli avrebbe confidato orari e zone in cui i piromani agiscono, salvo poi rivelare che la sua fonte segretissima era il sito della Regione siciliana e più nello specifico il piano antincendio redatto dagli uffici della stessa Regione e operativo dallo scorso giugno. Una provocazione non colta dal presidente Schifani, che prima se l’è presa con la fantomatica fonte citata, e poi si è chiesto a quale piano facesse riferimento il deputato deluchiano, parlando della non esistenza di piani antincendio redatti a maggio – cosa vera, ma non menzionata da La Vardera – che ha parlato invece del piano ufficiale, entrato in vigore a giugno.

Ma il piano della Regione per fronteggiare gli incendi era davvero così dettagliato da suggerire luoghi e persino ore in cui mantenere alta l’allerta per cercare di prevenire gli incendi? Carte alla mano, la risposta non solo è , ma sono diversi i punti del documento che lasciano pensare che la maggioranza che lo ha condiviso, in realtà, ben poco lo conoscesse. Anzitutto la parte sul clima. Schifani in Aula ha più volte indicato nel cambiamento climatico uno dei maggiori fattori causa dei tanti incendi del 2023. Un fattore «imprevedibile, con cui dobbiamo imparare a fare i conti».

Vero, ma forse non così imprevedibile, considerato che il report presente nel piano antincendio dedica ampio spazio proprio alla questione del clima in Sicilia, con tanto di grafici e studi scientifici basati sui dati raccolti negli anni. «Le climatologie della Sicilia elaborate in passato non risultano stravolte rispetto a quanto è possibile elaborare sulla base dei dati degli ultimi decenni – si legge nel documento – anche se le osservazioni recenti permettono di individuare fenomeni di grande rilevanza che stanno modificando il campo di variabilità di alcuni indici climatici e che in alcuni casi permettono di individuare anche tendenze piuttosto marcate sulle modificazioni del clima in atto. Risulta quindi estremamente utile descrivere il clima della Sicilia sulla base di dati molto recenti, che consentono di mettere in evidenza gli aspetti che sono in questo momento sotto osservazione per ciò che riguarda il rischio climatico».

Schifani ha inoltre parlato di una «criminalità incendiaria» che starebbe dietro a buona parte dei roghi. Vero anche questo. Sempre dai dati raccolti dagli uffici regionali, il 95 per cento degli incendi risulterebbe di mano dolosa. In questo caso, tuttavia, a non conoscere bene il contenuto del piano è Giusi Savarino, deputata di Fratelli d’Italia, che intervenuta in Aula ha difeso l’operato del governo e contestualmente chiesto di riconsiderare la misura che impedisce per 15 anni il cambio di destinazione d’uso dei terreni coinvolti da incendi. Misura introdotta proprio per evitare l’azione dolosa al fine di ottenere nuovi terreni edificabili e nuovi pascoli. Misura che da sola basta a giustificare la pressione fatta dallo stesso Schifani sui Comuni perché redigano in tempo il catasto delle aree andate a fuoco. Secondo Savarino, però, così facendo si dà campo libero a una certa «mafia dei pascoli», accusata di «bruciare i terreni adibiti a pascolo perché rimangano tali per i prossimi 15 anni».

Tutto il contrario di quanto segnalato nel piano regionale, che indica tra le cause dolose concepite e determinate dalla volontà di uomini: «distruzione di massa forestale per la creazione di terreni coltivabili e di pascolo a spese del bosco – primo punto fra tutti ndr – bruciatura di residui agricoli, quali stoppie e cespugli, per la pulizia del terreno in vista della semina; incendio del bosco per trasformare il terreno rurale in edificatorio; incendio del bosco per determinare, nelle intenzioni dei piromani, profitti in relazione alle attività di ricostituzione e di spegnimento; impiego del fuoco per operazioni colturali nel bosco, per risparmiare mano d’opera – e infine – incendi da cui gli autori non sperano di trarre un profitto concreto ma per azioni quali risentimento contro espropri o altre iniziative dei pubblici poteri, rancori tra privati, proteste contro restrizioni all’attività venatoria, proteste contro la creazione di aree protette e l’imposizione dei vincoli ambientali, atti vandalici, motivazioni di ordine patologico o psicologico».

E poi c’è la questione dell’orario. Davvero è stato individuato l’orario in cui i piromani entrano in azione? E in che modo? Anche in questo caso la risposta è affermativa e arriva grazie all’aiuto della statistica, che stabilisce nella fascia che va dalle 12 alle 14 il momento in cui gli incendi vengono appiccati. Anche perché, sempre gli studi compiuti dagli esperti assoldati dalla Regione, confermano che «la frequenza degli incendi, sia durante l’anno che nel corso delle singole giornate, ha un andamento sovrapponibile a quello delle temperature», tanto da sconsigliare un dispiego eccessivo di forze nelle ore notturne, per poterle meglio concentrare nelle fasce diurne di interesse, visto che, come ricorda ancora il piano: «il fuoco viene appiccato, colposamente o dolosamente, privilegiando le ore più calde per favorirne l’avvio e il rapido sviluppo; gli incendi innescati nelle altre ore della giornata, sicuramente più fresche, meno ventose e con tassi di umidità più alti, hanno minori probabilità di avviarsi e svilupparsi, riuscendo in taluni casi anche ad autoestinguersi e il fattore climatico, in definitiva, ha sugli incendi una influenza nettamente preponderante rispetto a quello umano». «Il nuovo piano antincendio si può dire che è già partito» dice in ultima istanza Renato Schifani. Si spera che stavolta abbiano almeno letto quello vecchio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Durante l’audizione all’Assemblea regionale, il presidente Renato Schifani, chiamato a rispondere sugli incendi che hanno martoriato la Sicilia durante tutta l’estate, raggiungendo percentuali di territorio distrutte da record rispetto agli anni passati, oltre che alle vittime, mai tante quanto in questo 2023, è stato protagonista di un curioso botta e risposta con Ismaele La Vardera, […]

Durante l’audizione all’Assemblea regionale, il presidente Renato Schifani, chiamato a rispondere sugli incendi che hanno martoriato la Sicilia durante tutta l’estate, raggiungendo percentuali di territorio distrutte da record rispetto agli anni passati, oltre che alle vittime, mai tante quanto in questo 2023, è stato protagonista di un curioso botta e risposta con Ismaele La Vardera, […]

Durante l’audizione all’Assemblea regionale, il presidente Renato Schifani, chiamato a rispondere sugli incendi che hanno martoriato la Sicilia durante tutta l’estate, raggiungendo percentuali di territorio distrutte da record rispetto agli anni passati, oltre che alle vittime, mai tante quanto in questo 2023, è stato protagonista di un curioso botta e risposta con Ismaele La Vardera, […]

Durante l’audizione all’Assemblea regionale, il presidente Renato Schifani, chiamato a rispondere sugli incendi che hanno martoriato la Sicilia durante tutta l’estate, raggiungendo percentuali di territorio distrutte da record rispetto agli anni passati, oltre che alle vittime, mai tante quanto in questo 2023, è stato protagonista di un curioso botta e risposta con Ismaele La Vardera, […]

Durante l’audizione all’Assemblea regionale, il presidente Renato Schifani, chiamato a rispondere sugli incendi che hanno martoriato la Sicilia durante tutta l’estate, raggiungendo percentuali di territorio distrutte da record rispetto agli anni passati, oltre che alle vittime, mai tante quanto in questo 2023, è stato protagonista di un curioso botta e risposta con Ismaele La Vardera, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]