Schifani torna all’Ars dopo quasi tre mesi per riferire sugli incendi e accusa criminalità e Comuni

«Viene in mente il titolo di un film di Claudio Bisio: Bentornato presidente». La sintesi è di Nello Dipasquale, deputato regionale del Partito democratico e rende l’idea dell’atmosfera all’Assemblea regionale siciliana per il ritorno in Aula di Renato Schifani, che oltre a essere presidente della Regione è anche deputato, a 84 giorni esatti dall’ultima volta. Schifani che evita con sapienza la stampa anche nei corridoi nel palazzo e fogli alla mano spiega cosa è successo nella lunga estate caldissima siciliana. Parla degli interventi fatti, delle difficoltà incontrate, snocciola percentuali su percentuali e parla dei buoni rapporti col governo nazionale e delle pene inasprite nei confronti di chi gli incendi li appicca e li appicca non solo ai boschi.

Schifani parla di «Lotta alla criminalità incendiaria, che va condotta coinvolgendo tutte le componenti istituzionali dell’antincendio, delle forze dell’ordine e della pubblica amministrazione» perché «siamo di fronte a un’emergenza senza precedenti». Parla anche delle colpe dei Comuni, obbligati a «redigere un catasto degli incendi entro il 31 luglio di ogni anno», obbligo puntualmente disatteso, con la necessità quest’anno di commissariare per la redazione dei piani 127 enti. E ancora: «È necessario obbligare i Comuni e le province – dice il presidente – affinché destinino il tre per cento dei loro bilanci per attività di prevenzione incendi, pulizia e diserbazione». Poi annuncia: «Possiamo dire che la campagna antincendio per il prossimo anno è già iniziata attraverso il potenziamento del corpo forestale, l’efficientamento delle risorse umane con una centrale operativa unica regionale, il coinvolgimento attivo dei Comuni, con pene pecuniarie per chi non redige il catasto degli incendi, delle campagne di sensibilizzazioni e l’utilizzo di nuove tecnologie». 

Parole che non sono sufficienti a convincere quanto meno l’opposizione di sala d’Ercole, in un clima di polemica per la contingentazione del tempo degli interventi. «Mi sembra di vivere in un mondo parallelo, dove gli incendi non avvengono per la responsabilità di questo governo e del governo precedente, ma per effetto dei cambiamenti climatici e dalla scarsa attività dei Comuni», dice il deputato Dem trapanese Dario Safina. Il discorso del presidente conclude con il ringraziamento di tutti i ministri intervenuti nel contrasto agli incendi, da quello dell’Interno a quello dell’Agricoltura. Tutti tranne uno. «Ha dimenticato il ministro della Protezione civile», ricorda Antonello Cracolici, quel Nello Musumeci che di Schifani è stato predecessore e che spesso viene nominato durante la seduta.

«Lei è fuggito di fronte a un’emergenza incendi che non ha precedenti – dice ancora Cracolici – L’87 per cento degli incendi del Mezzogiorno d’Italia si è verificata nella nostra regione, con un governo che nel silenzio non riusciva a dare un senso di speranza e di reazione al sentimento diffuso di larga parte del popolo siciliano, che si è trovata da sola, con mezzi di soccorso che il più delle volte non riuscivano a fare fronte alle tante richieste di intervento. In questa condizione il governo è apparso silente non per quello che stava facendo, ma silente perché non aveva nulla da dire». Critico anche Gianfranco Micciché, del gruppo misto: «A noi di chi è la colpa degli incendi interessa poco. Se sono dolosi è compito della magistratura, delle forze dell’ordine occuparsene. Noi vogliamo sapere come vengono spenti. Lei parla di 49 droni, erano 50, ma cosa vuole che siano 50 droni? cinquemila ce ne vogliono. Con il passato presidente siamo andati a trovare gli uomini di Google, che per due lire ci offrivano un servizio di monitoraggio attraverso Google Earth e non so per quale motivo non sia andato in porto. Per il reto tutto quello che ha elencato è una somma di inutilità assolute». Tante le polemiche che si sono susseguite, nonostante i pochi minuti concessi agli interventi.

Schifani ascolta e non guarda nessuno, neanche Ismaele La Vardera (Sud chiama Nord) che annuncia la presenza di una «superfonte segreta» che gli ha rivelato che «gli incendiari agiscono soprattutto tra le 12 e le 14 e non in punti e in giorni casuali, ma assolutamente prevedibili, perché strategici e in giornate di straordinario calore e vento». Una gola profonda che si rivela alla fine essere «il sito della Regione siciliana. Perché è tutto scritto sul vostro piano antincendio, pubblicato a giugno» dice il deputato, che si chiede come mai il governo non segua le sue stesse prescrizioni e infine chiede persino le dimissioni di Renato Schifani. Schifani che prende la parola alla fine degli interventi e cerca di schivare le polemiche e di rispondere a tutti. «Se non sono venuti in Aula – dice – non è per sfuggire alle critiche, ci sono abituato. È perché ho preferito occuparmi in prima persona dell’emergenza. Chiedere scusa? Lo farò, ma solo se avrò fallito».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Viene in mente il titolo di un film di Claudio Bisio: Bentornato presidente». La sintesi è di Nello Dipasquale, deputato regionale del Partito democratico e rende l’idea dell’atmosfera all’Assemblea regionale siciliana per il ritorno in Aula di Renato Schifani, che oltre a essere presidente della Regione è anche deputato, a 84 giorni esatti dall’ultima volta. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]