Paternò, randagi avvelenati davanti ospedale Muore il capobranco, scomparse le femmine

Ennesima e ingiustificata barbarie a Paternò dove un uomo ha avvelenato poco prima di mezzogiorno i randagi che stazionavano da tempo nell’area intorno al Pronto soccorso dell’ospedale Santissimo Salvatore. Per farlo l’individuo si sarebbe servito di cibo avvelanto che ha portato alla morte di Flash, il capobranco, un randagio microchippato di circa sette anni, trovato morto all’ingresso del Pronto soccorso

Trovato vivo ma in gravi condizioni Jump, un maschio randagio che si era aggregato al gruppo da solo qualche settimana. Il cane è stato soccorso da un ambulanza e trasportato alla clinica veterinaria di Nesima. Non si hanno per il momento notizie delle due femmine del gruppo, Back e Giulia, sterilizzate e microchippate. Le due randage sembrano scomparse nel nulla, nonostante siano state cercate per ore dai volontari delle società Upa, Il mio amico, Cuccioli dell’Etna

Il gruppo di randagi era ben voluto dalla maggior parte dei dipendenti del presidio sanitario che, giornalmente, li nutrivano. «Sono davvero rammaricato per quello che è successo – ha detto un infermiere in servizio al reparto d’emergenza – stamattina quando ho finito il turno, i cani stavano bene. Davvero assurdo». Gli animali erano innocui come ci conferma un vigilantes del nosocomio: «Non mi risulta che siano stati protagonisti di qualche fatto spiacevole». 

Allertati per la vicenda gli agenti della polizia municipale. «Non abbiamo trovato esche avvelenate in giro – ha detto Franco Rapisarda, l’ispettore che si occupa della problematica randagi – colui che ha dato il cibo di sicuro ha ripulito il tutto per evitare di esse identificato». L’episodio di stamattina è l’ultimo di una lunga serie. L’ultimo fatto di crudeltà è quello avvenuto mercoledì quando ignoti hanno impiccato un cucciolo di appena 4 mesi, sul ponte di contrada Pietralunga, sul fiume Simeto.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo