Paternò, azienda dolciaria sporca e con lavoratori in nero. I finanzieri sospendono l’attività

Non avevano alcun contratto, erano privi dell’attestato di formazione del personale alimentarista e non avevano effettuato le visite mediche obbligatorie preventive. Così due lavoratori sono stati sorpresi dalla guardia di finanza, durante un controllo, mentre erano alle prese con la preparazione di dolci all’interno del laboratorio di un’azienda dolciaria di Paternò. Uno dei due è risultato anche percettore del reddito di cittadinanza.

Nel corso dell’ispezione, a cui hanno preso parte anche i funzionari dell’Asp di Catania, è emersa anche la scarsa pulizia dei locali e la presenza di materiali e rifiuti pericolosi, alcuni che nulla avevano a che vedere con l’attività svolta.

I pavimenti e i macchinari da lavoro erano sporchi, gli intonaci anneriti e le bocche di fuoco collegate a bombole del gas prive di cappa di aspirazione. Luoghi inadeguati e non conformi, secondo i tecnici dell’ASP, che hanno indotto i finanzieri a sospendere l’attività e ad irrogare sanzioni amministrative.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento