Partecipate, per le nomine Musumeci attinge dagli staff Corona rimpiazza Ingroia, mentre all’Irfis arriva Gargano

Ѐ il giorno delle assemblee dei soci volute dal presidente Nello Musumeci per il rinnovo degli organi di vertice delle partecipate della Regione. Ma quella di oggi è solo la prima fase dello spoils system a tappe voluto dal governatore per «evitare qualsiasi tentativo di speculazione politica». Dal suo insediamento, Musumeci aveva tre mesi di tempo per cambiare presidenti e amministratori delle società regionali che erano stati indicati dal predecessore Rosario Crocetta. L’obbligo di legge però cade in piena campagna elettorale, e così il presidente ha voluto rimandare a dopo il 4 marzo le designazioni espressione del confronto interno alla maggioranza. «Niente posti in sottogoverno prima delle Politiche», ha annunciato Musumeci, ma spazio a «nomine transitorie» attingendo a uomini e donne già reclutati negli uffici di diretta collaborazione di presidente e assessori. L’indirizzo si era intanto già concretizzato venerdì, quando la numero uno della segreteria di Musumeci, Alessia Trombinoera stata eletta presidente dell’assemblea dei soci del Consorzio per le autostrade siciliane. Una volta passate le elezioni, toccherà a loro fare un passo indietro per lasciare campo libero alle investiture concertate. 

Dunque ecco le scelte: al vertice del consiglio di amministrazione di Airgest spa, gestore dell’aeroporto di Trapani-Birgi, arriva Grazia Terranova, già membro dello staff dell’assessore delle Attività produttive Mimmo TuranoGiancarlo Migliorisi, uomo del gabinetto dell’assessora Bernardette Grasso, e Niccolò Calderone sono stati scelti come consiglieri. 

Guiderà il cda dell’Azienda Siciliana Trasporti (Ast) Mario La Rocca, capo di gabinetto dell’assessore della Sanità  Ruggero Razza. Siedono in consiglio anche Rosalia Pipia, capo di gabinetto dell’assessore Grasso, e Giuseppe Battaglia, capo di gabinetto dell’assessore Totò Cordaro. Il trio rimpiazza Massimo Finocchiaro, Serafina Perra e Giancarlo Costa. Alla Società degli Interporti spa pare destinata invece Francesca Garofalo.

All’Irfis, la società finanziaria per il mediocredito vera e propria cassaforte della Regione, sarà presidente del cda l’avvocato catanese Giacomo Gargano, docente all’università Kore di Enna e capo della segreteria tecnica di Musumeci. Nel consiglio di amministrazione siederanno anche Lucia Di Fatta, capo di gabinetto dell’assessore Sandro Pappalardo, e Sebastiano Conti Nibali dallo staff del governatore. Il capo di gabinetto di Musumeci, Gianluigi Amico, dovrà temporaneamente occuparsi della Sas (Servizi ausiliari Sicilia). L’amministratore unico di Sicilia digitale spa, la ex Sicilia e-servizi che Crocetta aveva affidato all‘ex pm Antonio Ingroia, sarà Dario Corona. Per l’ultima nomina si dovrà ancora attendere, ma è questione di formalismi: Roberto Colletti, ex direttore amministrativo dell’ospedale Cervello di Palermo, rimpiazzerà Gaetano Montalbano alla guida di Seus, la società che si occupa della gestione del 118 in Sicilia. Per la ratifica dell’atto bisognerà attendere però il 14 febbraio, data in cui si svolgerà l’assemblea dei soci, oggi rinviata per mancanza del numero legale.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]