Palermo, undici metri di felicità contro il Latina I rosanero partono al Barbera con il piede giusto

Undici metri di gioia per il Palermo. Rende l’idea, quest’allegoria, se proviamo a sintetizzare con un’immagine la vittoria casalinga dei rosanero contro il Latina nella prima giornata di campionato. Un successo, con il punteggio di 2-0, maturato grazie a due calci di rigore trasformati al 33’ del primo tempo e a pochi istanti dal triplice fischio finale rispettivamente da Floriano e Soleri. Anche se il primo penalty (costato l’espulsione di Marcucci per fallo da ultimo uomo ai danni di Brunori abile ad approfittare di un errore della retroguardia nerazzurra) non è coinciso con le battute iniziali del match, nel contesto della partita di ieri contro la compagine guidata dal grande ex di turno Daniele Di Donato – salutato tramite uno striscione esibito all’esterno del Barbera e applaudito dal pubblico sia al momento della lettura delle formazioni sia nel post-partita durante il quale il presidente Mirri lo ha omaggiato con una maglia – i due rigori possono essere visti come le estremità di un segmento che sul terreno di gioco i rosa hanno delineato in maniera tutto sommato regolare. Una traccia ‘decisa’ al netto di qualche imperfezione come l’errore su un retropassaggio di Peretti che al 66’ ha messo il neo-entrato Jefferson a tu per tu con Pelagotti, graziato poi dall’attaccante brasiliano che ha colpito il palo.

La cosa più importante era partire con il piede giusto ottenendo i primi tre punti della stagione, e da questo punto di vista il traguardo è stato centrato, ma nell’arco dei 90 minuti la squadra ha ‘riempito la scatola’ offerta dalla partita anche con piccole sbavature. Davanti a 6091 spettatori compresi i 2500 abbonati – e a proposito di pubblico, con una nota a parte dedicata agli ultras che anche ieri hanno tifato e intonato cori nelle ore che hanno preceduto l’incontro marcando visita invece durante il match in linea con il contenuto degli striscioni Ripartiamo dalla fine…distanti ma presenti e Green pass per entrare. Cambi colore, continui a vietare esposti all’esterno dello stadio, va detto che in giornata il club aveva annunciato sui social il sold-out in merito agli abbonamenti sottoscritti – al cospetto di un avversario più debole ma bene organizzato il Palermo ha inserito nel suo ‘contenitore’ diverse cose positive e qualche scarabocchio. Il merito degli uomini di Filippi, in campo inizialmente con un 3-4-2-1 con Floriano e Dall’Oglio (all’esordio con la maglia rosa dal primo minuto) sulla trequarti a supporto di Brunori e successivamente con un 3-4-1-2, è stato quello di ‘recuperare’ soprattutto gli aspetti accompagnati dal segno piùintensità, voglia di vincere (da sottolineare, a questo proposito, la grinta e la grande generosità del capitano De Rose che più di una volta ha rincorso gli avversari dando un contributo importante al reparto difensivo), velocità e spesso anche qualità nella trasmissione del pallone. Con la prima fila, focalizzando l’attenzione sui giocatori candidati alla palma di migliori in campo, occupata in questo caso dall’esterno sinistro Giron, particolarmente ispirato sulla sua corsia di competenza, e l’attaccante Brunori che pur non essendo entrato nel tabellino dei marcatori si è messo in evidenza con un gran lavoro e movimenti funzionali alle esigenze del fronte offensivo.

Prevalenza delle note positive? La squadra svolterà nel momento in cui valorizzerà queste risorse con maggiore continuità durante la gara e riuscirà, soprattutto, a eliminare delle lacune ancora visibili nel percorso di crescita di questo gruppo. Eccessiva frenesia – legata forse anche ad un po’ di emozione riconducibile alla presenza e al ritorno sugli spalti di un pubblico caloroso – errori di misura in fase di impostazione e mancanza di cinismo sono imperfezioni da potere anche mettere in preventivo in questa fase della stagione in cui le squadre sono ancora in rodaggio ma anche dei campanelli d’allarme che meritano attenzione. Non avere chiuso la partita sbagliando nella ripresa diverse occasioni poteva costare caro. Poi ci ha pensato Soleri, subentrato nel secondo tempo a Brunori, a mettere nei minuti di recupero il punto esclamativo ma se gli eventi avessero preso una piega diversa avremmo potuto commentare adesso un altro risultato. E non vincere il match di ieri per una banale disattenzione (il riferimento è all’errore di Peretti e al gol fallito clamorosamente da Jefferson a cui va aggiunta subito dopo una chance non sfruttata da Sane) contro un Latina in inferiorità numerica per circa un’ora sarebbe stato davvero imperdonabile.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]