Palermo e Messina riaprono le ferite del centrodestra Cede fronte progressista che registra il crollo del M5s

Roberto Lagalla non vince, stravince le elezioni amministrative più strane degli ultimi 30 anni a Palermo, tra candidati consiglieri finiti in manette ancora prima del voto, una campagna elettorale cominciata in fortissimo ritardo per le bizze del centrodestra e persino gli attacchi hacker e la moria dei presidenti di seggio. «La sua vittoria è quella del governo Musumeci», dirà più tardi il presidente della Regione parlando del suo ex assessore all’Istruzione. Vero, ma non troppo. In realtà a vincere è la trasversalità di Lagalla, capace di catalizzare voti da destra, da centro e da sinistra. Per quanto riguarda il partito-movimento di Musumeci, invece, un risultato piuttosto magro, come il piatto di Fratelli d’Italia, che porta a casa il risultato ma è ben lontano dall’essere il primo partito. Al vertice nel capoluogo si colloca invece Forza Italia, con Gianfranco Miccichè intenzionato più che mai a fare valere i propri crediti in una prova di forza, quella palermitana, da cui gli azzurri escono rinvigoriti, pronti più che mai a rilanciare, almeno per un pezzo di partito, quello che fino a qualche settimana fa era il loro mantra: «No alla ricandidatura di Nello Musumeci alla presidenza della Regione». E in luce ai numeri, ancora tutti da scoprire nel dettaglio, dello spoglio palermitano, Giorgia Meloni e i suoi hanno perso un bel po’ di vantaggio nel loro tanto sbandierato diritto di veto sulla scelta del prossimo aspirante inquilino di palazzo d’Orleans.

Persa per strada la Lega, con un risultato ai limiti dello sbarramento, il vero vincitore di questa tornata elettorale resta comunque Lagalla. La sua lista infatti si piazza al secondo posto per numero di preferenze dando vita di fatto alla questione politica che animerà le prossime settimane nel capoluogo di regione: che fine faranno i tanti candidati di Italia Viva che popolano la lista del nuovo sindaco? Diversi di loro saranno eletti, ma Matteo Renzi è stato chiaro: «Se vince Lagalla saremo opposizione». La partita è già iniziata e sarà tutta da giocare, giusto il tempo di godersi i festeggiamenti. Tempo che non è disposto ad aspettare Miccichè, che ha già pronte le strategie per arrivare in posizione di forza a chiedere un dopo Musumeci che non contempli il leader di Diventerà Bellissima – movimento che ha sofferto non poco il voto in quasi tutta la Sicilia -. Il presidente dell’Assemblea regionale ha già in mente un incontro con Cateno De Luca, che si riprende Messina addirittura al primo turno nonostante gli sforzi messi in campo da un centrodestra quanto mai agguerrito, con il fondatore di Sicilia Vera che mostra i muscoli anche in chiave Regionale, dimostrando sul campo a Musumeci e soci che sarà un avversario-interlocutore più ostico del previsto. Magari non uno in grado di vincere le elezioni, anche se non è dato saperlo, ma di certo un candidato in grado di farle perdere. E questo Miccichè lo sa bene.

E sa anche che per puntare a una stabilità di governo a Palermo è il caso di trattare con Fabrizio Ferrandelli. Il candidato sindaco di +Europa e Azione, terzo con merito dopo Lagalla e Franco Miceli, con molte meno frecce al suo arco ha dato non poca pressione al candidato unico del centrosinistra, portando a casa un risultato più che dignitoso. Ferrandelli tra l’altro è stato candidato sindaco di Palermo sia per il centrosinistra che per il centrodestra, ma entrambe le volte non c’è stata storia contro Leoluca Orlando. Alla luce della nuova era post orlandiana c’è da aspettarsi che il bancario ex deputato regionale sarà conteso da ogni fazione. Ossa rotte invece sul fronte del centrosinistra, che perde tutte le sfide importanti: secondo per distacco a Palermo, addirittura terzo a Messina. Regge ancora il Partito Democratico, ma questa tornata elettorale è stata segnata dall’avverarsi della profezia del disertore Dino Giarrusso, che aveva previsto il crollo dei 5 stelle. E così per grandi linee è stato. Mai decisivi in coalizione, un Movimento che sembra avere perso la propria forza propulsiva.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]