Da Roma a Palermo, la storia dell’ex odontotecnico diventato chef stellato: «Preferisco essere un cuoco che rischia»

Una valigeria che diventa ristorante, con un ex odontotecnico come cuoco. In realtà, uno chef stellato che però ama divertirsi tra i fornelli. Sono storie di rivoluzionari cambiamenti quelle che uniscono il Buatta cucina popolana di Palermo e Fabio Cardilio. Romano di nascita, trent’anni fa ha scelto il capoluogo siciliano per iniziare la sua nuova vita. «Ero un odontotecnico – racconta a MeridioNews – e lavoravo sempre seduto a modellare i denti delle persone». Un mestiere che presto si accorge non essere quello adatto a una «persona dinamica come me». A rimanere, però, è il focus sulla bocca. Prima quella dei pazienti, poi quella dei commensali. «All’improvviso, quando ho capito che quell’insoddisfazione avrebbe potuto mandarmi in crisi, ho deciso di cambiare lavoro». Una scelta che ha rivoluzionato l’intera vita di Cardilio che, per farlo, si è trasferito a Palermo.

«Mio fratello aveva un ristorante in città ed è da lì che è iniziato tutto». A essere precisi, dal lavello della cucina dove Cardilio ha cominciato come lavapiatti. «Un punto di vista comunque privilegiato, all’interno del laboratorio dove si lavorava alla preparazione di tutte le portate». La prima cosa ad attirare la sua attenzione è il procedimento della sfilettatura del pesce. «È stata la prima materia prima su cui ho messo le mani – dice – e che ho imparato a conoscere e apprezzare». Conoscenze pratiche a cui Cardilio affianca anche quelle teoriche. «Ai tempi – ricorda parlando del suo primo periodo a Palermo, negli anni Novanta – non c’era ancora internet. Così, ogni volta che avevo del tempo libero, andavo in biblioteca e divoravo libri di alta cucina. Pagina dopo pagina, ho scoperto un mondo e ho capito che sarebbe stato il mio». Un mondo che poi ha vissuto da vicino con diversi stage in rinomati ristoranti romani e con esperienze dirette insieme ai pescatori palermitani del Porticello.

Combinazioni che oggi è possibile trovare nello stile della sua cucina: piatti tradizionali e, al tempo stesso, ricette originali, in cui l’ingrediente principale è sempre l’attenzione per le materie prime nel rispetto della stagionalità dei prodotti. «Ricordo ancora – aggiunge Cardilio – quando dissi a mio fratello che, se entro un determinato periodo di tempo non avessi ricevuto una stella Michelin, allora avrei cambiato di nuovo mestiere. Tre anni dopo (nel 1996, ndr) – dice con umile orgoglio – era mia». Ed era solo il primo di tanti importanti riconoscimenti (il titolo Big gourmand della guida Michelin, due gamberi sul Gambero Rosso e la chiocciola di Slow Food per il 2023 confermata nel 2024) per l’ex odontoiatra che non gradisce l’appellativo di chef ma preferisce, piuttosto, essere chiamato cuoco. «Io sono un passionale – afferma Cardilio – e quasi mai seguo in modo preciso la ricetta di un piatto, mi piace cucinare con il fuoco vivo e mi concedo ancora di rischiare di fare degli errori ai fornelli pur di non rinunciare mai a sperimentare».

Poca meccanica e tanta creatività che hanno portato Cardilio alla scelta di affiancare al classico menù tradizionale anche il Viva la vita. «Un percorso culinario che si rinnova sempre, che cambia ogni giorno – spiega – perché dipende non solo dalle materie prime migliori disponibili, ma anche da quello che mi suggerisce la mia creatività. Con piatti sempre nuovi – aggiunge – non c’è mai monotonia, né per noi che li prepariamo né per le persone che vengono a mangiarli nel nostro locale». Nel quartiere che è il cuore del centro storico di Palermo, il Cassaro, la Buatta cucina popolana – che fa parte del gruppo di ristorazione palermitano Virga&Milano – ha reinventato quella che è stata la prima valigeria di Palermo, l’antica valigeria Quattrocchi del 1870. Le mura di impianto ottocentesco, l’insegna color grafite a mezzaluna, il tradizionale pavimento bianco e nero e alcuni arredi sono rimasti quelli. L’innovazione, però, è tutta in cucina dove Cardilio trasferisce a tutto il team il suo mantra: «La nettezza del gusto è come tornare all’origine primaria dell’essenza del cibo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]