Paceco, minacce mafiose all’acquirente di un immobile. Arrestati due pregiudicati

Estorsione e turbativa d’asta aggravate dal metodo e modalità mafiose. Sono le accuse rivolte dalla Dia di Palermo a due pregiudicati di Paceco, in provincia di Trapani. Avrebbero sfruttato l’appartenenza di uno di loro alla locale famiglia mafiosa per intimorire l’acquirente di un immobile che in passato era stato di proprietà di un loro parente. Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri, in seguito all’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Palermo.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento